Prende a calci e pugni in faccia un anziano che difendeva una ragazza e gli rompe il femore: arrestato giovane di 25 anni

Mercoledì 16 Settembre 2020
Prende a calci e pugni in faccia a un anziano che difendeva una ragazza e gli rompe il femore: arrestato giovane di 25 anni

Un giovane di 25 anni, italiano di origini ungheresi, è stato arrestato dalla polizia di Vicenza dopo aver preso a pugni e calci un anziano di 73 anni, che era intervenuto per sedare una lite dell'aggressore con la fidanzata. L'episodio, verificatosi nel pomeriggio di lunedì nella zona del mercato ortofrutticolo del capoluogo berico, è stato filmato da alcuni residenti, che hanno indirizzato gli investigatori al responsabile.

LEGGI ANCHE: Due esplosioni, poi le fiamme. La notte di fuoco ha tenuto con il fiato sospeso Ancona. Nube: chiuse scuole, parchi, università e uffici al pubblico. Il Comune. "Uscite solo se indispensabile". Primi responsi per l'aria

L'anziano è stato ricoverato all'ospedale San Bortolo con una frattura al femore, e sospette lesioni al capo. Dal filmato emerge che il giovane viene dapprima avvicinato dall'anziano, gli sferra dapprima un pugno e poi lo scalcia alla testa, allontanandosi in bicicletta con la donna. La vittima è stata soccorsa dai passanti mentre la polizia, arrivata sul posto, ha iniziato le ricerche per rintracciare l'aggressore, individuato dopo pochi minuti e arrestato con l'ipotesi di reato di lesioni aggravate.

DURA CONDANNA DA PARTE DEL SINDACO
Dura condanna da parte del primo cittadino di Vicenza Francesco Rucco per l'episodio avvenuto ieri in zona Mercato nuovo dove un giovane di 25 anni ha aggredito un anziano di 73 anni, intervenuto con l'intento di sedare una violenta discussione tra il ragazzo e la sua fidanzata. «Un episodio assolutamente da condannare - dichiara il sindaco - che vede protagonista in negativo una persona già conosciuta dalle Forze dell'ordine per vari reati. Voglio esprimere solidarietà all'anziano picchiato e mi auguro possa guarire al più presto. Mi congratulo con gli uomini della Polizia di stato che sono prontamente intervenuti individuando e arrestando l'aggressore. Episodi come questo confermano che qualcosa non va da un punto di vista giudiziario e sulla certezza della pena».

Ultimo aggiornamento: 11:42 © RIPRODUZIONE RISERVATA