Scomparsa da mesi, si stava buttando
nel Tevere: salvata dai vigili urbani

Martedì 22 Gennaio 2019
Scomparsa da mesi, si stava buttando nel Tevere: salvata dalla polizia
Era sul punto di lanciarsi nel vuoto, in preda alla disperazione, quando due agenti del Gruppo Centro (ex Trevi) della polizia locale Roma Capitale sono intervenuti in suo soccorso e le hanno salvato la vita. È accaduto questa mattina a Ponte Cestio. Una donna, O.K., di 64 anni, era in procinto di suicidarsi quando i vigili si sono accorti del fatto e le sono corsi in aiuto. Da accertamenti successivi sulla sua identità è emerso che la donna era scomparsa da Fabrica di Roma dal mese di ottobre del 2018. Anche una nota trasmissione televisiva, incaricata dai familiari che la cercavano disperatamente, aveva lanciato un appello per ritrovarla.

Gli agenti hanno dovuto attuare una trattativa dura ed estenuante per persuadere la donna dal suo intento, durata un'ora e mezza. In quel lasso di tempo i caschi bianchi hanno cercato di porre in essere una serie di tentativi per farla desistere dai suoi propositi. I due vigili, mantenendo la calma, hanno conquistato fiducia della 64enne e hanno parlato a lungo con lei. Con grande attenzione sono riusciti, attraverso alcuni escamotage, a raggiungerla, ad abbracciarla e a portarla finalmente in salvo. Attualmente la donna si trova all'ospedale Fatebenefratelli, dove stanno accertando le sue condizioni di salute. La polizia locale ha provveduto ad allertare la Sala Operativa Sociale per fornirle il supporto e il sostegno necessari. 
Ultimo aggiornamento: 19:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA