Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, donna incinta fugge in Italia: la bimba nasce nel giorno di Pasqua. «Che tu possa vivere in un mondo migliore»

Ucraina, donna incinta fugge in Italia: la bimba nasce nel giorno di Pasqua. «Che tu possa vivere in un mondo migliore»
Ucraina, donna incinta fugge in Italia: la bimba nasce nel giorno di Pasqua. «Che tu possa vivere in un mondo migliore»
2 Minuti di Lettura
Domenica 17 Aprile 2022, 21:30

È nata nel giorno di Pasqua nella terra che ha accolto sua madre e sua sorella in fuga dall'Ucraina  martoriata dalla guerra e che ora dà il benvenuto anche a lei. Si chiama Jlisa ed è venuta alla luce alle 4.25 in Puglia, a Bisceglie (Bat). È una «splendida bimba - comunica il sindaco Angelantonio Angarano sui social - data alla luce da una donna ucraina che, giunta nella nostra città all'ottavo mese di gravidanza, abbiamo accolto a Bisceglie ed è ospite, con sua madre e un'altra figlia di otto anni, di una famiglia di nostri concittadini. Una notizia che mi commuove e che sono felice di condividere con tutti voi».

Donna incinta fugge in Italia: la bimba nasce nel giorno di Pasqua

«Il simbolo della luce - prosegue il primo cittadino - che vince sull'oscurità dei tempi che stiamo attraversando, del bene che prevale sul male. Oggi non ci poteva essere messaggio migliore di pace, di vita e di speranza. Con gioia nel cuore, rinnovo gli auguri di buona Pasqua. Omnia vincit Amor, l'amore vince su tutto». A dare il benvenuto alla neonata ci sono tanti cittadini che commentano il post del sindaco: «Benvenuta, con la speranza che possa vivere in un mondo migliore»; «spero tu sia felice e che possa tornare la pace anche nella tua nazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA