Il parroco celebra la messa con la tuta da ciclista, il video è virale. L'ira del Vescovo: «Chieda scusa e si penta»

Don Fabio Corazzina durante un tour in Sicilia (per l’iniziativa «Percorri la pace») ha celebrato messa a Mazara del Vallo con un completo da ciclista

Il parroco celebra la messa con la tuta da ciclista, il video è virale. L'ira del Vescovo: «Chieda scusa e si penta»
Il parroco celebra la messa con la tuta da ciclista, il video è virale. L'ira del Vescovo: «Chieda scusa e si penta»
3 Minuti di Lettura
Martedì 20 Settembre 2022, 11:00

BRESCIA - Ha fatto scandalo la scelta di un parroco del quartiere di Fiumicello, don Fabio Corazzina, che durante un tour in Sicilia (per l’iniziativa «Percorri la pace») ha celebrato messa a Mazara del Vallo con un completo da ciclista. Tanto da aver provocato la reazione del Vescovo di Brescia Pierantonio Tremolada che ha giudicato «eccessivo» il mancato rispetto della «forma».

Incidente frontale tra auto e scooter sulla Statale a Osimo: grave il motociclista

«Il contesto, l’abbigliamento, il modo di trattare le sacre specie, la libertà nel formulare le orazioni e la stessa preghiera eucaristica, alcune battute fuori luogo e infelici. Non si può condividere tutto questo», scrive il Vescovo di Brescia in una lettera a don Fabio Corazzina

La lettera del vescovo

Il video è stato pubblicato sui social dal sacerdote, circa dieci giorni fa: le immagini sono diventate via via virali, sino a suscitare l’ira del Vescovo. «Mi stupisce — scrive il vescovo — che tu non abbia pensato alle conseguenze di un simile atto, per altro intenzionalmente portato all’attenzione pubblica. Come non rendersi conto dello sconcerto e del dolore che avrebbe provocato, e di fatto ha provocato, in chi ama profondamente l’Eucaristia e la pongono al centro della loro vita di fede? Qui occorre davvero fare ammenda e chiedere umilmente scusa. Ti presto io la voce, lo faccio io a nome tuo nei confronti di tanti che si sono scandalizzati e mi aspetto che tu condivida con me questo bisogno. Ti chiedo poi di scegliere un gesto penitenziale, che esprima la consapevolezza della tua responsabilità e in qualche modo intervenga a riparare quanto accaduto» conclude il vescovo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA