Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Uccisa in vacanza in Croazia dopo una lite, arrestato l'amico 30enne

Uccisa in vacanza in Croazia dopo una lite, arrestato l'amico 30enne
Uccisa in vacanza in Croazia dopo una lite, arrestato l'amico 30enne
3 Minuti di Lettura
Venerdì 19 Agosto 2022, 08:41

Un cittadino italiano di 30 anni è stato arrestato in Croazia, vicino a Umago, sospettato di aver ucciso l'amica, anche lei italiana. Lo riferisce l'agenzia croata Hina. La donna, 40 anni, è morta poco dopo essere stata trovata dagli agenti gravemente ferita in casa, a Zakinji. Sempre secondo quanto riferisce l'agenzia Hina, l'uomo è stato arrestato dopo alcune testimonianze che hanno riferito di aver sentito un'accesa discussione tra i due.

Uccisi dal treno in corsa, Claudio era scappato dopo una lite. L'abbraccio mancato con il padre: «Cercava di afferrarlo sui binari»

Uccisa dopo una lite

La donna morta in Croazia, in base a quanto riferisce La Voce quotidiano dell'Istria, sarebbe stata uccisa dall'amico 30enne con cui stava trascorrendo alcuni giorni di vacanza nel villaggio di Zacchigni, non lontano da Umago.

Gli uomini della Criminalpol della Questura istriana hanno effettuato un sopralluogo nell'appartamento della villetta teatro della tragedia. La donna che ha affittato l'appartamento ai due italiani, sempre secondo quanto riferisce il quotidiano, ha raccontato di avere sentito delle urla provenire dal piano piano di sopra dell'immobile e anche alcuni «forti colpi e vetri andati in frantumi».

«Urla dal piano di sopra»

La donna che affitta l'appartamento ha raccontato di aver sentito delle urla provenire dal piano di sopra, dopo di che «ho sentito anche dei forti colpi e dei vetri andati in frantumi. Il Pronto soccorso e la Polizia sono arrivati presto, ma per la povera vittima non c'era nulla da fare», ha raccontato allo Jutarnji list la signora visibilmente scioccata. «Ho chiamato il marito della donna che conoscevo dagli anni passati, ma mi ha detto che potrà venire appena tra tre giorni, perché si trova in Ucraina per lavoro», ha aggiunto la donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA