Omicidio Civitanova, il gip: «Ferlazzo incline alla violenza: pericolo di reiterazione del reato»

Omicidio Civitanova, il gip: «Ferlazzo incline alla violenza: pericolo di reiterazione del reato»
Omicidio Civitanova, il gip: «Ferlazzo incline alla violenza: pericolo di reiterazione del reato»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 1 Agosto 2022, 20:19 - Ultimo aggiornamento: 2 Agosto, 16:34

MACERATA - Filippo Ferlazzo, davanti al gip di Macerata Claudio Bonifazi, ha sgomberato il campo da ogni retropensiero: «Non c'erano motivi razziali, avrei agito così a prescindere dal colore della pelle». Convalidato l'arresto, l'operaio salernitano di 32 anni che ha ucciso a mani nude il mendicante nigeriano Alika Ogorchukwu in strada a Civitanova Marche, ha negato la motivazione razziale e ribadito le scuse alla famiglia per l'accaduto.

Il gip: «Indole incline alla violenza»

 Il giudice ha disposto che rimanga in cella, visti i gravi indizi di colpevolezza e ritenuta la sua «indole incline alla violenza», «l'elevata pericolosità sociale» e il «pericolo di reiterazione del reato». Nell'ordinanza, il gip ha accennato a un «disturbo bipolare». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA