'Oggi servo io', i vip diventano camerieri
per le popolazioni colpite dal sisma

'Oggi servo io', i vip diventano camerieri per le popolazioni colpite dal sisma
di Flavia Scicchitano
2 Minuti di Lettura
Martedì 20 Settembre 2016, 09:41 - Ultimo aggiornamento: 14:56

ROMA - Fuori oltre mille persone, in coda su Corso Vittorio per 200 metri fino a S. Andrea della Valle. Le star col grembiule legato alla vita per servire ai tavoli, tra gli autografi e i selfie scattati dai propri fan.

Nella storica pizzeria La Montecarlo, in vicolo Savelli, vicino a piazza Navona, ieri sera la cena organizzata a scopo benefico è stata stellata: attori e registi si sono trasformati in camerieri per una notte, per aiutare i territori colpiti dal terremoto che il 24 agosto scorso ha messo in ginocchio il centro Italia. Menù: pasta all’amatriciana, ovviamente solidale, e birra. L’iniziativa, “Oggi servo io”, ha visto come protagonisti Valerio Mastandrea, Marco Giallini, Raoul Bova, Alessandro Gassmann, Claudio Amendola, Sabrina Impacciatore, e ancora Massimiliano Bruno, Elio Germano, Rolando Ravello, Anna Foglietta, Edoardo Leo (attivissimo nel turnover dei tavoli), il regista Paolo Genovese, Vinicio Marchioni e le note dell’Orchestraccia.
 

 


Tra battute e sorrisi, le dodici star del cinema italiano si sono cimentate con la ristorazione, alternandosi con le comande tra la cucina e la sala sotto il flash di ammiratori e curiosi. Senza prenotazione, come in una sagra di paese, dalle 19 all’una il locale si è riempito di gente, tanti romani ma anche turisti, pronti ad assaggiare l’amatriciana dei vip. E a fare una coda di ore. Non era una finzione cinematografica: gli attori hanno servito veramente agli ospiti il piatto, a base di guanciale, pomodoro e pecorino, e una bibita a scelta, al costo fisso di 15 euro.

I fondi raccolti saranno integralmente devoluti, a sostegno delle popolazioni e dei territori colpiti dal terremoto, all’associazione “Vico Badio” di Fonte del Campo di Accumoli, epicentro del sisma, scelta dalla stessa pizzeria. L’associazione si sta occupando del processo che porterà alla ricostruzione delle frazioni colpite dai crolli di quella notte. Il tutto per una serata di beneficenza reale che vale più di un premio oscar o di una standing ovation.

© RIPRODUZIONE RISERVATA