Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Naufraga su un'isola deserta e sopravvive cinque giorni mangiando due limoni e carbone

«L'onda mi ha colpito e non ho potuto vedere nient'altro» ha detto 51enne, che di professione fa il giardiniere, raccontando l'esperienza, dopo essere stato salvato.

Rimane per 5 giorni su un'isola deserta: l'avventura di Nelson Nedy, il 51enne brasiliano sbarcato su costa di Rio de Janeiro
Rimane per 5 giorni su un'isola deserta: l'avventura di Nelson Nedy, il 51enne brasiliano sbarcato su costa di Rio de Janeiro
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Agosto 2022, 08:46

Due limoni e un po' di carbone per cuocere il cibo. E' stata un'avventura alla Robinson Crusoe quella di Nelson Nedy, 51enne brasiliano che ha raccontato di essere sopravvissuto per cinque giorni su un'isola disabitata al largo della costa di Rio de Janeiro con pochi averi. 

Come ha raccontato Nelson stesso al sito di notizie brasiliano G1, lunedì scorso, è finito sull'isola di Palmas dopo essere stato travolto in mare aperto da un'onda mentre ammirava la vista dalle rocce vicino alla spiaggia di Grumari. «L'onda mi ha colpito e non ho potuto vedere nient'altro» ha detto 51enne, che di professione fa il giardiniere, raccontando l'esperienza, dopo essere stato salvato.

La corrente lo ha trascinato verso l'isola, dove ha trovato una grotta in cui dormire. Il giorno dopo Nelson ha trovato una tenda e una coperta che erano state abbandonate dai pescatori. E ancora, due bottiglie d'acqua e due limoni: «Li ho mangiati con la pelle e tutto per non perdermi nulla» ha raccontato. 

Dopo aver provato inutilmente ad attirare l'attenzione con una bandiera che aveva realizzato usando la coperta, ha deciso di provare a nuotare fino alla spiaggia di Grumari. Ma, per la forte marea è stato spinto indietro verso l'isola.

Durante la settimana, il signor Nedy è ricorso ha cominciato a bere acqua di mare e a mangiare un pezzo di carbone, dopo aver visto le scimmie fare lo stesso. Una scelta di cui si è subito pentito: «Mi ha seccato ancora di più la bocca e mi si è incastrato nel dente». 

Il tutto si è finalmente concluso sabato, quando gli sciatori d'acqua lo hanno visto mentre sventolava la maglietta e subito hanno allertato le autorità, che hanno inviato un elicottero per soccorrerlo. Nedy è stato quindi portato in un ospedale di Barra da Tijuca e, dopo qualche giorno, è stato dimesso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA