Narcotizza l'amico con la droga
dello stupro, denunciato: «Era uno scherzo»

Martedì 13 Agosto 2019

Narcotizza per scherzo l'amico durante la sagra di paese versandogli “benzodiazepine” (sostanza anche nota come droga dello stupro) in un boccale di birra. Il ragazzo minorenne ha accettato la birra offerta ignara di cosa contenesse e l'ha bevuta, cadendo in uno stato di incoscienza. Per questo pericoloso scherzo, i carabinieri di Manziana hanno denunciato alla Procura della Republica un 22enne, responsabile del reato di «procurato stato di incapacità mediante somministrazione di stupefacenti». 
Durante la serata di festa e grazie alla segnalazione di alcuni giovani, i carabinieri sono intervenuti insieme al personale medico, per soccorrere un minorenne che versava in un pesante stato di incoscienza.

Iniezione di Viagra per fare bella figura ora rischia un'erezione permanente

Tuttavia, insospettiti dagli strani effetti di quella che sembrava una “sbornia”, i militari hanno voluto approfondire le cause dell’episodio e dopo minuziosi accertamenti, sono riusciti a far emergere le gravi azioni del 22enne. Al termine del successivo controllo personale, lo stesso ha consegnato spontaneamente il flacone medico di “benzodiazepine” ed ha ammesso le proprie responsabilità, giustificando di aver voluto fare solo un semplice scherzo all’amico. Dopo le cure del caso, la giovane vittima sta bene e la sua condizione non desta preoccupazione.

Ultimo aggiornamento: 16:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA