Nella borsa ci sono migliaia di euro: commerciante fa il giro della città per restituirla

Trova una borsa con migliaia di euro in contanti e fa il giro di Napoli per restituirla al proprietario
Trova una borsa con migliaia di euro in contanti e fa il giro di Napoli per restituirla al proprietario
4 Minuti di Lettura
Domenica 10 Luglio 2022, 18:40

Un commerciante napoletano, di nome Pino Mobilia, è diventando un vero e proprio eroe sul web dopo che la sua storia ha fatto il giro dei social: un esempio di rettitudine e onestà, in un'epoca in cui se ne vede davvero poca. L'uomo, titolare di un negozio di intimo a Napoli, qualche giorno fa ha trovato su una panchina una borsa abbandonata, piena di contanti e oggetti d'oro: in tanti al suo posto avrebbero intascato soldi e preziosi, ma lui no.

Come racconta sui suoi profili social il consigliere regionale di Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, che pubblica anche la sua foto, Pino Mobilia ha infatti deciso di non appropriarsi di quella borsa non sua, e ha iniziato a rintracciare i proprietari che l'avevano smarrita. «C'è grande trambusto a via Santa Teresa degli Scalzi - ricostruisce Borrelli - dove qualcuno ha abbandonato una borsa su di una panchina e, si vocifera, che al suo interno ci siano migliaia di euro in contanti. Tra i primi ad intercettare la notizia c'è Pino Mobilia, titolare di un negozio di intimo nella zona, che decide di agire prima che qualche furbetto possa impossessarsi del malloppo».

L'incredibile racconto sui social

«Così esce dal suo negozio, prende la borsa, la apre ed effettivamente al suo interno trova numerose banconote, oltre ad oggetti in oro - racconta Borrelli - In fondo alla borsa anche un portafoglio con all'interno i documenti del proprietario. A quel punto Pino decide che non c'è altro tempo da perdere, si fa prestare uno scooter e assieme ad un amico raggiunge l'indirizzo riportato sui documenti ritrovati nella borsa. Arrivati sul posto trovano però solo una bambina che chiama i genitori e dice che non hanno perso nulla».

«Ma Pino non si scoraggia, mostra ai vicini il documento del proprietario della borsa e questi subito lo riconoscono affermando che si tratta di una famiglia di stranieri, onesti lavoratori, e che sono anche in attesa di un altro figlio, però non abitano più lì da qualche tempo. Pino a quel punto ritorna sul luogo del misfatto e prova a chiedere se qualcuno conosce queste persone. Il personale delle Poste, che si trovano poco distanti, riconoscono gli sfortunati, in quanto clienti abituali, che a quel punto vengono rintracciati al telefono. Pino è così riuscito a restituire la borsa ai proprietari con tutti i loro averi. La famiglia, nel ringraziare il suo salvatore, ha poi spiegato che in questo momento si trova in una situazione difficile e, per sicurezza, preferisce portare con se tutti i propri averi. Non si sentono sicuri, hanno paura che qualcuno possa entrare in casa e rubarglieli».

«Questa storia - sottolinea Borrelli - rompe molti degli stereotipi che attanagliano la nostra città. Una vicenda che racconta di grande onestà, senso civico e soprattutto rispetto verso gli altri. Molti hanno commentato in maniera negativa sui social, dando del 'fesso' a Pino o chiedendosi la provenienza di quel danaro, immaginando fosse frutto di qualche reato. Io invece voglio fare a Pino le mie congratulazioni personali, poiché si è reso protagonista di una vicenda che dovrebbe essere la normalità, ma purtroppo non tutti si sarebbero comportati allo stesso modo. Restituendo la borsa ad una famiglia che, a quanto apprendiamo, non è fatta da delinquenti come qualcuno aveva pensato, ha compiuto un gesto davvero nobile. Senza dubbio un esempio da seguire, perché solo con dei comportamenti rispettosi e solidali possiamo costruire una Napoli, una società, diversa e migliore».

© RIPRODUZIONE RISERVATA