Napoli, esami truccati al concorso
della Finanza: licenziati due marescialli

Napoli, esami truccati al concorso della Finanza: licenziati due marescialli
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 3 Maggio 2017, 08:35 - Ultimo aggiornamento: 10:44
NAPOLI - Vantare conoscenze nelle commissioni esaminatrici promettendo, in cambio di soldi, aiuti per superare il concorso per entrare nella Guardia di finanza non può essere solo millantato credito ma corruzione. E alla condanna penale va aggiunta la pena accessoria del licenziamento. È questa, in sintesi, la decisione del giudice Tommaso Perrella a conclusione del processo su un caso di mazzette e concorsi che vede tra gli imputati condannati presunti corrotti e corruttori.

Sì, perché la sentenza è stata di condanna per i due finanzieri accusati di aver intascato la mazzetta e per un padre e la figlia candidata al concorso da aspirante finanziere che quei soldi li avrebbero pagati. Il caso risale al dicembre 2015 con la svolta dell'inchiesta coordinata dai pm Giancarlo Novelli e Valter Brunetti del pool guidato dal procuratore aggiunto Alfonso D'Avino. Le accuse ruotavano attorno ai 50mila euro, in contanti e versati in più tranche, che un maresciallo in pensione avrebbe consegnato a due marescialli della Guardia di finanza per assicurarsi l'ammissione della figlia al corso per allievi sottufficiali nell'anno accademico 2015/2016. Tentativo che poi fallì, perché la ragazza non superò le prove orali, e i soldi furono in parte rimborsati.
© RIPRODUZIONE RISERVATA