Milano, ragazza partorisce
nel "boschetto della droga"

Ragazza partorisce
nel "boschetto della droga"
dove fu aggredito Corona
Ha partorito in una cascina, dopo essersi drogata. È accaduto a Milano, nella famigerata zona del 'Boschetto dello spaccio di Rogoredò. Mamma e bambino, secondo quanto riferito, stanno bene, anche se sono stati portati in ospedale per essere monitorati. 


È accaduto la scorsa notte, ed è stato riferito stamani dalla polizia, che è intervenuta sul posto, in via Rogoredo, su richiesta del 118 i cui soccorritori hanno assistito al parto dopo essere stati chiamati da un connazionale della donna, una ucraina tossicodipendente di 28 anni, poco prima delle 2. Secondo quanto riferito dal 118 la madre, Elnora, aveva assunto normalmente droga in gravidanza, e quindi è stata portata insieme al figlio alla clinica Mangiagalli. È probabile infatti che il piccolo debba essere sottoposto a terapie per l'assunzione fetale di stupefacenti.​
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lunedì 20 Maggio 2019, 14:46 - Ultimo aggiornamento: 20-05-2019 15:23

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO