La moglie gli regala per Natale un metal detector e lui scopre in giardino anello romano di 2000 anni

Giovedì 20 Gennaio 2022 di Laura Larcan
La moglie gli regala per Natale un metal detector e lui scopre in giardino anello romano di 2000 anni

Chissà che una scoperta casuale con il metal detector non riscriva la storia dell'Inghilterra romana. E' un tema che sta appassionando gli storici inglesi dopo l'ultima notizia che sta facendo il giro dei media locali. Già, perché un professore di matematica residente in Cornovaglia, famosa regione del Sud-ovest dell'Inghilterra, ha riportato alla luce uno splendido anello d'oro romano, risalente a 2000 anni fa, nel proprio giardino di casa, grazie al metal detector che sua moglie Julie gli aveva regalato per Natale. Quando si dice la fortuna. Il ritrovamento di Mike Burke, americano di origine, 54 anni, residente a St Just in Cornovaglia, con un passato da poliziotto in pensione, e ora docente di matematica, ha fatto saltare sulla poltrona fior di studiosi.

L'importante ritrovamento potrebbe, infatti, rivedere la conoscenza dei romani in Gran Bretagna, e soprattutto le precedenti teorie che avevano negato l'influenza di Roma nella Cornovaglia. Il manufatto è ora all'attenzione degli esperti del Museum of Cornish Life. L'anello presenta un fine intaglio romano, è fatto d'oro e pesa 12,8 grammi. Reca una preziosa pietra di calcedonio dove è incisa la figura di Cerere, la dea romana dell'agricoltura, del grano, della giustizia, della pace e della maternità.

 

Mike Burke ha raccontato al DailyMail: «Ogni giorno lo guardo e ho ancora i brividi, non riesco proprio a immaginare di aver trovato qualcosa del genere nelle mie aiuole». Pensare che per Burke le passeggiate con il metal detector sono il suo passatempo preferito, che esercita per rilassarsi. Lui ha trascorso vent'anni nell'esercito degli Stati Uniti come ufficiale di polizia militare, di cui sette anni come guardia carceraria nelle carceri militari, e ora lavora come docente di matematica al GCSE Functional Skills presso il college locale di Penzance. 

 

Quando ha trovato l'anello, lo ha prima risciacquato leggermente con acqua, poi nell'indecisione, ne ha pubblicato le foto su un gruppo Facebook di metal detector, chiedendo se "avesse importanza". La prima risposta è stata «Questo è un tesoro!». Subito gli utenti gli hanno consigliato di contattare uno specialista della contea. E così è arrivato il Museo. Il tesoro è tra i reperti del Museum of Cornish Life.

© RIPRODUZIONE RISERVATA