Nordafricano tenta stupro di una donna in pieno giorno: i passanti lo bloccano e rischia il linciaggio

Napoli, tenta stupro di una donna in pieno giorno: i passanti lo bloccano. L'aggressore rischia il linciaggio
Napoli, tenta stupro di una donna in pieno giorno: i passanti lo bloccano. L'aggressore rischia il linciaggio
2 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 16:48

Tenta di stuprare una donna in pieno giorno, a Napoli. Ma i passanti lo bloccano, lo inseguono, chiamano i carabinieri e lo fanno arrestare. Mancavano pochi minuti alle 13 quando una 31enne del casertano, mentre stava percorrendo a piedi Via Ponte della Maddalena, viene aggredita da un marocchino senza fissa dimora. Le urla disperate della donna attirano l'attenzione di alcune persone, passanti e operai di un cantiere.

Corrono ad aiutarla e prima di mettere in fuga l'aggressore allertano il 112. La donna viene soccorsa e intanto la corsa dell'extracomunitario continua, inseguito dai passanti che comunicano alla centrale operativa dei carabinieri il suo percorso. I militari del nucleo radiomobile lo rintracciano in Piazza Guglielmo Pepe, per l'uomo scattano le manette. Il 51enne, secondo prime indagini dei militari, probabilmente è una delle persone accampate nella baraccopoli della zona. È stato portato in carcere e dovrà rispondere di violenza sessuale. Per la vittima lesioni ritenute guaribili in 10 giorni.

Il tentato linciaggio

Dopo aver salvato la donna dallo stupro, chiamando i carabinieri i passanti in preda all'ira per quanto successo hanno anche tentato di aggredire il clochard. Una zona, quella dove si è verificata la tentata violenza sessuale a Napoli, che da tempo è 'teatrò di rapporti tesi tra i cittadini e i senza fissa dimora. Molti si lamentano di gesti di violenza «gratuiti» da parte dei clochard che vivono nella zona in vere baraccopoli: tergicristalli delle auto rotti, danni, molestie. A pochi passi dal luogo dello stupro, sventato grazie alle urla della vittima, ci sono una scuola elementare e l'ufficio scolastico provinciale di Napoli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA