Marito scopre la moglie a letto con un ragazzo di 21 anni: il giovane si infuria e la pugnala a morte con le forbici

Marito scopre la relazione della moglie con un amante di 21 anni: il giovane si infuria e la pugnala a morte con le forbici
Marito scopre la relazione della moglie con un amante di 21 anni: il giovane si infuria e la pugnala a morte con le forbici
2 Minuti di Lettura
Martedì 1 Novembre 2022, 17:43

Una donna di 43 anni è morta, vittima di un «attacco selvaggio e prolungato» da parte di un uomo di 21 anni, con cui aveva avuto una relazione. Tiprat Argatu, sposata, era stata scoperta dal marito mentre era a letto con l'amante. Così il giovane avrebbe perso le staffe e l'avrebbe aggredita a calci e pugni per 50 lunghissimi minuti, fino ad ucciderla pugnalandola con un coltello e delle forbici.

Cosa è successo

L'omicidio risale al 24 gennaio 2021, tra le 4 e le 4.50 di mattina. L'aggressione è avvenuta nella casa della donna, in zona Whitechapel, a est di Londra. «Le ha calpestato il collo e l'ha pugnalata con un paio di forbici con così tanta forza che si sono piegate a metà», ha detto il pubblico ministero in tribunale. David Cheres ha ammesso l'omicidio colposo della donna per responsabilità ridotta, ma è sotto processo all'Old Bailey accusato di omicidio volontario. «Era disarmata e ha opposto poca resistenza. Pare che abbia alzato le mani per cercare di difendersi perché alcune delle ferite da taglio e coltellate erano sulle sue mani e sulle sue dita», dice ancora il pm in tribunale.

Il legame col marito

L'omicidio sarebbe collegato ai sentimenti dell'imputato, secondo l'accusa. Era amico del marito della vittima e non poteva sopportare che quella scoperta avesse rovinato tutto. Poche ore prima dell'omicidio l'uomo li aveva scoperti a letto insieme, il 21enne «ha diretto lo sfogo per ciò che era successo contro la donna anziché prendersela con se stesso». La polizia ha visto il presunto killer uscire nudo da un ripostiglio la mattina dopo l'omicidio. Il 21enne continua a negare le accuse, il processo continua.

© RIPRODUZIONE RISERVATA