Mariam, 18enne uccisa dalle bulle:
confessano due delle sei ragazze

Venerdì 28 Settembre 2018
Confessano due delle sei presunte assassine di Mariam, la 18enne italiana uccisa a Nottingham

Ci sarebba una svolta nelle indagini sull'omicidio di Mariam Moustafa, la 18enne italo-egiziana, morta a marzo a Nottingham dopo una brutale aggressione di una gang di sole ragazze. L'omertà del branco autore del pestaggio, infatti, starebbe cominciando a vacillare. Lo sottolinea oggi la stampa locale all'indomani della prima apparizione alla sbarra, dinanzi a un giudice della Nottingham Magistrates Court, delle sei imputate: cinque minorenni la cui identità resta riservata in base alla legge britannica e la 19enne Mariah Fraser.

Il gruppo si è infatti sfaldato adottando strategie difensive diverse. Due adolescenti, di 15 e 17 anni, si sono dichiarate colpevoli sperando di guadagnarsi qualche attenuante e andranno incontro al verdetto del giudice Tim Spruce per la definizione della pena tra un mese. Una seconda 15enne s'è invece proclamata innocente, anche a rischio di una sentenza più severa laddove non fosse creduta.

Mentre la Fraser, una terza 15enne e un'altra 17enne hanno preso tempo, chiedendo un rinvio, e sono state riconvocate per il 25 ottobre quando dovranno obbligatoriamente rispondere alla domanda se si considerano colpevoli o innocenti. Mohamed Moustafa, padre di Mariam, dopo aver presenziato alla prima udienza ha fatto sapere ai giornalisti che intende esserci pure il 25: «Farò del mio meglio per avere giustizia per mia figlia», ha detto con la voce rotta dalla sofferenza.

Ultimo aggiornamento: 19:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA