Il mare sommergerà tutto il mondo
lo studio choc che spaventa il pianeta

Sabato 21 Novembre 2015
Il mare sommergerà tutto il mondo lo studio choc che spaventa il pianeta

ROMA - Presto il mare sommergerà gran parte delLe città di tutto il mondo. La causa? Il riscaldamento terrestre che, con l'aumento delle temperature, scioglierà i ghiacci scaraventando tonnellate d'acqua sulle coste del nostro Pianeta.



A dirlo è uno studio choc realizzato dall'organizzazione americana Climate Control che ha provveduto a diffondere motivazioni scientifiche a corredo di questa tesi. Le emissioni globali di gas serra - spiegano - potrebbero portare a enormi aumenti del livello delle acque, e alla conseguente scomparsa di molte delle coste di alcune tra le città più belle e importanti al mondo. Da New York a Londra, da Roma a Napoli fino a Shangai, Mumbai e tante altre.

Un dramma planetario evitabile? Forse sì se decide di affrontare con massima urgenza e serietà la problematica del contenimento drastico della CO2 liberata nell’atmosfera dall’attività umana. Perché i responsabili siamo noi che con l'inquinamento stiamo condizionando l'evoluzione della natura. Entro fine secolo infatti la temperatura globale potrebbe aumentare di 4°C provocando ciò che è mostrato nella gallery fotografica in solo alcuni degli esempi proposti. Un aumento che porterebbe a disastri meteo di portata catastrofiche e cambiamenti climatici impossibili da gestire mettendo a rischio, secondo una stima, dalle 400 alle 700 milioni di persone.

Riguardo l'Italia il pericolo riguarderebbe poco meno di 5 milioni d abitanti, spazzando via città come Venezia e Napoli e avvicinandosi molto a Roma con l'acqua che pian piano, partendo da Fiumicino, si farebbe avanti nell'entroterra. Secondo gli esperti evitare l'innalzamente delle temperatura è quasi impossibile ormai. Si tenta di contenere questo aumento intorno a 1,5°C in modo da garantire una speranza al popolo riducendo di conseguenza l'innalzamento del livello del mare.

Ultimo aggiornamento: 27 Novembre, 21:07 © RIPRODUZIONE RISERVATA