«Marco ridotto in fin di vita da un cliente ubriaco al pub»: la mamma lo ha visto e ha avuto un malore

«Marco ridotto in fin di vita da un cliente ubriaco al pub»: la mamma lo ha visto e ha avuto un malore
«Marco ridotto in fin di vita da un cliente ubriaco al pub»: la mamma lo ha visto e ha avuto un malore
di Mario Landi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 8 Dicembre 2022, 10:35

Kings’s College Hospital, reparto di terapia intensiva. È qui che Marco Pannone sta combattendo la sua battaglia per sopravvivere. Al suo capezzale sono arrivati i genitori, partiti da Fondi dove è rimasta la sorella Veronica, in provincia di Latina, per stringersi intorno al giovane di 25 anni finito in coma dopo essere stato vittima di un brutale pestaggio all’esterno di un pub a Londra, nella notte tra venerdì e sabato scorsi. Lunedì la mamma e il papà sono atterrati a Gatwick, poi la corsa in ospedale: appena viste le condizioni in cui versa il figlio, la donna ha accusato un malore.

CONDIZIONI CRITICHE. Il quadro clinico di Marco è grave. È stato massacrato di cazzotti, probabilmente cadendo a terra ha anche battuto violentemente la nuca al suolo. Dopo il pestaggio sembrava essersi ripreso, poi ha accusato vertigini, ha di nuovo perso conoscenza. Sintomi di un gravissimo trauma cranico, confermato dalla forte pressione del sangue sui bulbi oculari, verificata dai primi medici che lo hanno soccorso. Per ridurre la pressione gli è stata rimossa parte della calotta cranica. È mantenuto in coma farmacologico. La famiglia è disperata. E vuole sapere che cosa è successo a Marco, partito cinque anni fa per l’Inghilterra in cerca di fortuna, finito in rianimazione senza un perché. 

IL PESTAGGIO. Marco Pannone, nipote di Massimiliano Sepe, chef del noto ristorante di Roma Alfredo alla Scrofa, a Londra lavorava in un pub, il Canova Hall di Brixton, quartiere nella zona sud ovest della City. Ed è qui che è stato aggredito, tra i tavolini all’esterno del locale, mentre il ragazzo terminava il turno di lavoro. La polizia londinese sta lavorando al caso, ma i punti oscuri sono ancora molti.

 

CACCIA ALL’UOMO. Secondo quando gli agenti hanno detto ai familiari di Marco, alcuni testimoni hanno riferito che il cameriere italiano è stato aggredito da un cliente ubriaco, che non voleva lasciare il pub nonostante l’imminente orario di chiusura e l’incito a liberare il tavolo. L’uomo, a cui la polizia sta tentando di dare un’identità, avrebbe colpito Pannone alle spalle, per poi infierire su di lui e dileguarsi prima dell’arrivo dei soccorsi. E le telecamere di sicurezza a quanto pare non aiutano: il pestaggio sembra essere avvenuto in un angolo cieco, fuori dalle inquadrature degli occhi elettronici. Ma in un frame si vede quale via di fuga ha preso l’aggressore. E un’altra telecamera in zona potrebbe averlo inquadrato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA