«La manovra preoccupa gli italiani, molti
chiedono come portare soldi all'estero»

«La manovra preoccupa gli italiani, molti stanno chiedendo come portare soldi all'estero»
«La manovra preoccupa gli italiani, molti stanno chiedendo come portare soldi all'estero»
2 Minuti di Lettura
Lunedì 22 Ottobre 2018, 13:47 - Ultimo aggiornamento: 18:32
La manovra preoccupa i risparmiatori italiani, che pensano come fare per salvare i propri risparmi e spesso valutano l'idea di portarli all'estero. È l'allarme che lancia Massimo Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum, dopo la reazione dei mercati alla manovra del Governo: per Doris tra i clienti «la preoccupazione c'è», e spiega come «i clienti ci chiedono dei titoli di Stato e noi riteniamo che l'Italia riuscirà a pagare i suoi debiti».

Spread alto e turbolenze di mercato: ecco come difendere i propri risparmi


«Lo spread - afferma Doris - può scendere sempre ed è un costo per lo Stato», ma non ha conseguenze per Mediolanum in quanto «noi abbiamo un indice solidità elevato, abbiamo assorbito l'impatto importante dello spread sui titoli di Stato e non abbiamo problemi a prestare denaro». Al contrario lo spread «è un problema per le banche con ratio patrimoniali non così elevati, con un impatto sui prestiti, mentre noi continuiamo a spingere sul credito come previsto dai nostri programmi». Quanto al 2,4% di rapporto tra deficit Pil «se porta a crescita ben venga, bisogna vedere». 

Reddito di cittadinanza, non servirà fare domanda

Quanto alla Borsa, «la reazione è positiva perché il downgrading di Moody's era atteso, ma la prospettiva non è negativa». «C'è un clima di sfiducia e paura - è la sua spiegazione - ed importante riportare un pò di serenità per far spendere i consumatori». Ma soprattutto, spiega il banchiere, «abbiamo ricevuto richieste su come portare i soldi all'estero in modo regolare». Doris non prevede invece entrate extra dalla cosiddetta 'pace fiscale'. A suo avviso «può essere un aiuto per persone con piccole pendenze a concentrarsi sulla crescita», conclude.
© RIPRODUZIONE RISERVATA