Timbravano e poi andavano a dar
da mangiare alle galline: 7 incastrati

Timbravano e poi andavano
a dar da mangiare
alle galline: 7 incastrati
di Mario Meliadò
AGRIGENTO - Operazione “Fuori dal Comune”, sette impiegati comunali di Cianciana – 3.400 abitanti, in provincia di Agrigento – avrebbero timbrato per mesi il badge per poi andare a comprare il pesce, a stendere il bucato o al panificio o persino a dar da mangiare alle galline, anziché restare al proprio posto di lavoro.
Per tutti e sette, una donna e sei uomini, il giudice per le indagini preliminari presso il Tribunale di Sciacca ha disposto l’obbligo di presentazione alla Polizia giudiziaria: truffa ai danni dello Stato e falsa attestazione di presenza in servizio i reati contestati.
 
A inchiodare gli ennesimi “furbetti del cartellino” sono stati i pedinamenti e le videoriprese tramite due telecamere posizionate dentro e fuori il Municipio dai carabinieri delle stazioni di Cammarata e di Cianciana in oltre un anno d’indagini, dal febbraio 2017, che hanno consentito di verificare come gli impiegati dell’Ente siciliano si limitassero a timbrare “in entrata”, ma poi in realtà non rimanessero affatto a lavorare ma, in molti casi, se ne andassero a fare gli affari propri: tornare a casa a dormire o fare un giro in pescheria, fare la spesa al supermercato o andare a cibare i polli della propria aia erano attività evidentemente considerate normali da svolgere in pieno orario di lavoro.
La “furbata” era possibile quasi sempre sgattaiolando via dal retro senza timbrare l’uscita, che veniva invece “regolarmente” timbrata soltanto alla fine del proprio (teorico) turno. A volte però i lavoratori timbravano l’uscita addebitandola a motivi di servizio, quando in realtà andavano a svolgere commissioni relative alla propria sfera personale. In totale, ognuno degli indagati avrebbe accumulato una cinquantina di ore lavorative remunerate ma in realtà mai svolte.

Ma spesso i funzionari arrivavano a timbrare in ingresso e poi non timbrare più in uscita se non il giorno dopo, come se avessero lavorato al Comune di Cianciana per tutta la notte – mentre invece erano tornati a casa per cenare e per dormire –, in modo da poter fruire indebitamente di riposi compensativi.
 
L’inchiesta è partita in sèguito alla segnalazione di “strani” movimenti da parte di vari elementi in forza all’Ente locale: si trattava in realtà di alcune delle estrose forme d’assenteismo congegnate dai dipendenti comunali di Cianciana “in alternativa” ai propri doveri d’ufficio. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 14 Marzo 2018, 14:46 - Ultimo aggiornamento: 14-03-2018 17:54

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO