Coronavirus, Crisanti: «Possibile lockdown a Natale per resettare il sistema, che così come siamo è saturo»

Coronavirus, Crisanti: «Possibile lockdown a Natale per resettare il sistema, che così come siamo è saturo»
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 14 Ottobre 2020, 12:03 - Ultimo aggiornamento: 12:41

Un lockdown a Natale potrebbe rientrare nell'ordine delle cose. Andrea Crisanti, virologo dell’università di Padova nel suo intervento questa mattina a Studio 24 su Rainews, ha spiegato che la possibilità di una chiusura generale nel periodo natalizio potrebbe essere utile per arrestare la crescita dei contagi e limitare il sovraffollamento negli ospedali.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, i nuovi positivi raddoppiano: oggi nelle Marche sono 166. Ecco dove. Aumentati anche i test /La mappa del contagio in tempo reale

«Credo che un lockdown a Natale sia nell’ordine delle cose: si potrebbe resettare il sistema, abbassare la trasmissione del virus e aumentare il contact tracing. Così come siamo il sistema è saturo», ha precisato l'esperto facendo l'esempio della Gran Bretagna.

Crisanti spiega che una chiusura natalizia non interferirebbe con le scuole, che starebbero in vacanza e potrebbe aiutare il sistema sanitario in un periodo in cui, presumibilmente, si potrebbe arrivare al picco dell'influenza stagionale. Pone poi l'attenzione sui mezzi pubblici e il loro sovraffollamento e torna sul tema dei tamponi, ritenuti ancora troppo pochi per un adeguata prevenzione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA