Trova in una vecchia casa 150 milioni di lire
ma la banca non può più cambiarli

Trova in una vecchia casa
150 milioni di lire ma la banca
non può più cambiarli
Un tesoro nascosto in casa che però non potrà usare. Il 31enne brindisino Giuseppe De Ruvo, che da anni vive a Roma, dove lavora come cassiere, stava ristrutturando la sua casa a Bari quando ha scoperto un piccolo tesoro di 150 milioni di vecchie lire. Nell'abitazione disabitata, appartenente al padre, ha scovato, all'interno di un intercapedine di un muro una serie di banconote da 500mila, 100mila e 50mila lire e due buoni del tesoro del valore di 50 milioni di lire l’uno.


Il 31enne era a conoscenza del fatto che fossero scaduti i termini per poter trasformare il vecchio conio in euro, decorsi nel 2012, ma non si è certo arreso e ha girato diverse banche nel tentativo di non veder andare persi tutti quei soldi. Tutte le banche hanno però ripetuto la stessa cosa, affermando che le banconote sono poco più che carta straccia. De Ruvo non ha però voluto cedere e ha avviato una citazione nei confronti della Banca d’Italia sul presupposto, avvalorato da alcune sentenze che avallano la sua posizione, che la prescrizione e la decadenza decorrono dal momento in cui un soggetto è posto nelle condizioni di poter esercitare il diritto. Il giovane, essendo venuti a conoscenza solo in questi giorni del tesoro, non avrebbe per ovvi motivi esercitare il suo diritto prima della data di scadenza. 

Ora la battaglia legale andrà avanti, ma la possibilità che il piccolo tesoro non resti altro che carta straccia, purtroppo, per una beffa dela sorte, potrebbe essere effettiva.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Domenica 13 Gennaio 2019, 13:21 - Ultimo aggiornamento: 13-01-2019 14:02

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO