«Vedrete, altro che strage
di Erba». Madre e figlio
perseguitano i vicini di casa

«Vedrete, altro che strage
di Erba». Madre e figlio
perseguitano i vicini
LIMENA - A madre e figlio l'avere perseguitato per anni i vicini di casa, ieri davanti al Gup Cristina Cavaggion, è costato un rinvio a giudizio per il reato di stalking. Tra le minacce ricorrenti c'era quella legata a Olindo Romano e Rosa Bazzi, meglio conosciuti come i coniugi della strage di Erba avvenuta l'11 dicembre del 2006. Tanto che Carla Dall'Andrea di 79 anni e Fabian Rettore di 38 anni ai loro dirimpettai hanno più volte urlato: «Vedrete, altro che strage di Erba». Madre e figlio hanno iniziato a nutrire del rancore verso i vicini di casa, una famiglia composta da marito, moglie e una figlia, a causa di un terreno in uso alle presunte vittime dei loro atti persecutori e che invece i due ritengono di loro proprietà. Negli anni la tensione è aumentata a dismisura con minacce e intimidazioni.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 9 Novembre 2018, 11:41 - Ultimo aggiornamento: 09-11-2018 11:53

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO