Monica Lewinsky confessa
«Mi pento ancora del mio errore»

Mercoledì 26 Ottobre 2016
Credit: Facebook MonicaLewinsky

WASHINGTON - «All'età di 22 anni mi innamorai del mio capo e a 24 anni ne imparai le devastanti conseguenze. Non passa giorno che non mi torni in mente il mio errore e di quell'errore mi pento profondamente». Sono le parole di Monica Lewinsky, ex stagista alla Casa Bianca e protagonista dello scandalo che a fine anni Novanta coinvolse il presidente Bill Clinton.
La Lewinsky ha ricordato le offese e gli insulti che la spinsero all'orlo del suicidio durante la conferenza dell'Australian Association of National Advertisers (AANA) di Sydney.
Oggi, l'ex stagista racconta le continue umiliazioni di cui fu vittima quando la storia divenne pubblica, contribuendo ad una campagna contro il cyberbullismo. «Monica può parlare davvero con autorevolezza, non solo per quanto riguarda la sopravvivenza ai media e al vortice del web, ma anche sulla ricerca di un nuovo scopo» ha commentato Sunita Gloster, amministratore delegato di AANA.

Ultimo aggiornamento: 13:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA