Barista denuncia baby gang a Le Iene: locale in fiamme nella notte

Il locale Mi Vida a Ghedi, in provincia di Brescia
Il locale Mi Vida a Ghedi, in provincia di Brescia
3 Minuti di Lettura
Giovedì 17 Febbraio 2022, 18:23

Locale in fiamme subito dopo la denuncia tv. Nessuna coincidenza per il titolare del bar Mi Vida a Ghedi, in provincia di Brescia, Yuri Colosio 27enne, che sui social dell'attività parla di incendio doloso. Colosio in una puntata della trasmissione Le Iene andata in onda proprio poche ore prima del rogo, aveva raccontato di essere vittima di bullismo da parte di una baby gang locale. «Appena finito il servizio delle Iene questo è il risultato e l'ennesimo sopruso che dobbiamo affrontare. A questo punto anche combattere per il diritto al lavoro diventa difficile» ha scritto sui social Colosio mostrando foto e video del suo locale danneggiato. Sulla vicenda indagano i carabinieri.

LEGGI ANCHE

Spingono una studentessa a terra e le strappano l'I-Phone: altri due baby bulli in carcere minorile

LEGGI ANCHE

In tre contro uno, picchiavano ragazzini come in Fight Club: «Ti ammazziamo e ti buttiamo dentro un sacco»

Intervistato da Le Iene, Colosio aveva raccontato nel dettaglio i comportamenti della gang. «Vanno in giro armati, con i macete. Io in sei mesi ho preso una bottigliata e tre coltelli alla gola. Sono una baby gang molto organizzata. Sono sempre in gruppo, se gli rispondi è finita, ti saltano addosso tutti insieme. Hanno 18-20 anni e ci sono un paio di minorenni. Girano sempre con il passamontagna, sempre a volto coperto».

Parlando di un componente della baby gang Colosio aveva aggiunto: «A settembre nel mio locale ha buttato una ragazza su un divanetto, il mio buttafuori ha visto la scena e lo ha allontanato. Questo ragazzo ha estratto il telefono e l’ha usato per dargli un pugno. Gli hanno dato nove punti: aveva la faccia piena di sangue. Sono intervenuto, lui è scappato ed è tornato dopo 5 minuti con un coltello che mi ha puntato in faccia, dicendomi vieni qua che ti apro in due». Scene riprese dalle telecamere di sorveglianza del locale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA