Insegnante di sostegno ucciso a coltellate a scuola: è giallo a Melito di Napoli. Il corpo trovato dal figlio in un'aiuola

Insegnante di sostegno ucciso a coltellate a scuola: è giallo a Melito di Napoli
Insegnante di sostegno ucciso a coltellate a scuola: è giallo a Melito di Napoli
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Settembre 2022, 09:05 - Ultimo aggiornamento: 12:38

Ucciso a coltellate. È quanto hanno accertato i carabinieri intervenuti ieri sera alle 22.30 all’interno del perimetro interno della scuola media Marino Guarano a Melito, dove è stato rinvenuto il corpo senza vita di Marcello Toscano, 64 anni, insegnante di sostegno già consigliere comunale a Mugnano.

Le ricerche erano partite alle 20, quando i familiari hanno lanciato l’allarme visto che non ne avevano più notizie. Dai primi accertamenti pare che la morte sia riconducibile a un’aggressione con arma bianca ma è ancora tutto da verificare. Indagini in corso da parte dei carabinieri che hanno acquisito diverse immagini dalle telecamere presenti in zona. 

A trovare il corpo è stato il figlio

L'istituto scolastico è lo stesso dove nello scorso mese di maggio un ragazzino di 13 anni venne ferito alla schiena con un'arma da taglio mentre era in aula da un compagno di classe, e lo stesso dove due mesi prima venne aggredita, nel bagno della scuola, una bambina di 11 anni da parte di una coetanea. Anche nel caso dell'omicidio di Marcello Toscano - sposato, due figli, in passato consigliere comunale a Mugnano in più occasioni - potrebbe essersi trattato di un'aggressione, i cui motivi sono però al momento sconosciuti. A trovare il corpo dell'uomo dietro un cespuglio, nella scuola, è stato il figlio, il quale, non avendo più notizie del padre e non riuscendo a denunciarne la scomparsa - bisognava attendere 24 ore, gli è stato detto - è andato a cercarlo.

© RIPRODUZIONE RISERVATA