Raggirava anziani con riti esoterici per farsi lasciare l'eredità: arrestata insegnante di religione

Raggirava anziani con riti esoterici per farsi lasciare l'eredità: arrestata insegnante di religione
Raggirava anziani con riti esoterici per farsi lasciare l'eredità: arrestata insegnante di religione
di Mario Meliadò
3 Minuti di Lettura
Giovedì 24 Ottobre 2019, 16:13 - Ultimo aggiornamento: 16:40

REGGIO CALABRIA - C’erano le esortazioni e le preghiere, sì. Ma c’erano soprattutto le incessanti ricerche dei luoghi migliori in cui andare “a caccia” di soggetti psicologicamente deboli, da derubare e spogliare di tutti i loro beni col pretesto del misticismo, della religione, talvolta costringendoli a condurre una vita infame e di stenti nel frattempo.

Così è finita dietro le sbarre a Messina, nel carcere di Gazzi, la 59enne Maria Dascola, insegnante di religione di Reggio Calabria ma domiciliata nella città siciliana (M.D. le sue iniziali diffuse dai finanzieri reggini che l’hanno assicurata alla Giustizia; quella terrena, quantomeno…). Il procuratore capo di Reggio Calabria Giovanni Bombardieri, il suo aggiunto Gerardo Dominijanni e i pm Roberto Di Palma e Angelo Gaglioti le contestano la circonvenzione d’incapace nei confronti di ben sei persone.

Nulla a che fare con circostanze casuali o con moventi in qualche modo “d’impeto”: secondo gli inquirenti, ci troveremmo di fronte a una donna gelida e dai disegni criminosi lucidissimi, una spietata calcolatrice che avrebbe scelto di frequentare costantemente chiese e mense dei poveri, case di riposo e parocchie, soggiorni della Caritas e opere caritatevoli di vario tipo non in ragione della propria “missione”, ma in quanto sicura che avrebbe avuto vita facile nell’individuare i soggetti psicologicamente più “disastrati”, piegarli al proprio volere con la scusa della Fede e poi impadronirsi di tutti i loro soldi, i loro beni, il loro patrimonio. Non per caso, al blitz è stato dato nome “I Samaritani”.

Nell’identikit delle sue “vittime preferite” c’era la costante del disagio psichico, della grande difficoltà nell’autodeterminarsi; spesso, si registrava anche un vissuto complicato.

A innescare l’inchiesta, addirittura la denuncia di un 43enne reggino nei confronti di alcuni suoi parenti con l’accusa d’avergli provato a sottrarre i beni ereditati dai genitori: molto presto, i militari si sono resi conto che c’era davvero troppa differenza tra la scarsa lucidità dell’uomo, i caratteri elementari della sua firma e l’invece meticolosa esposizione dei “misfatti” che sarebbero stati compiuti ai suoi danni dai congiunti.

Sopralluoghi, appostamenti, perquisizioni, accertamenti bancari hanno fatto il resto, suffragati dall’analisi di un’imponente documentazione, dei dati contenuti in pc e telefonini sequestrati e dalle opportune perizie psichiatriche nei confronti dei soggetti che la donna avrebbe plagiato.

Nel corso delle perquisizioni domiciliari effettuate su entrambe le rive dello Stretto, poi, è emersa una tristissima verità: sfruttando la loro incapacità d’intendere e di volere la “prof” di religione di fatto costringeva un’anziana di Messina – peraltro anche in precarie condizioni di salute – e lo stesso 43enne di Reggio a vivere da reclusi in una catapecchia messinese, al gelo, immersi nel degrado e in mezzo a rifiuti d’ogni tipo.

Sono stati peraltro ritrovati dai finanzieri della Compagnia reggina i più classici elementi del misticismo esasperato, misto alla pratica di riti esoterici: istruzioni per celebrare rituali magici per rimuovere «vibrazioni negative», una “corazza di protezione”, la “Mano di Fatima” (utilizzati come oggetti apotropaici, volti insomma ad allontanare gli ‘spiriti’ maligni), un talismano, un captatore tri-sensor (che avrebbe dovuto assicurare virtù magiche al suo possessore).

La verità non ha tardato a manifestarsi: la donna aveva “puntato” quei 6 soggetti proprio in virtù del loro disagio psichico, per poi fare razzia di denaro e oggetti di valore in loro possesso e farsi intestare per intero il loro patrimonio mobiliare e immobiliare, per decine di migliaia di euro di controvalore, tramite procure speciali, testamenti, deleghe a operare sui loro conti correnti.

Uno scenario diabolico attuato con cinismo col pretesto del carisma religioso della donna.

© RIPRODUZIONE RISERVATA