La Lombardia 'sfratta' dagli hotel infermieri e operatori del Sud. Poi il dietrofront: «Restino fino a fine luglio»

Giovedì 18 Giugno 2020
La Lombardia 'sfratta' dagli hotel infermieri e operatori del Sud. Poi il dietrofront: «Restino fino a fine luglio»
Fino a poche settimane fa erano eroi da applaudire, ora evidentemente sono pesi da smaltire. Quando la Regione Lombardia ha realizzato l’ospedale alla Fiera di Milano, in piena emergenza per la pandemia di coronavirus, a infermieri e operatori sanitari da tutta Italia era stato offerto l’alloggio in hotel con spese garantite fino a fine luglio: e in parecchi avevano risposto soprattutto dal Sud.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la provincia di Macerata allerta le Marche: 4 nuovi positivi in un giorno/ La mappa interattiva del contagio provincia per provincia  

LEGGI ANCHE: Coronavirus, i nuovi contagiati nelle Marche neanche se ne accorgono: 6 su 10 sono asintomatici

Pochi giorni fa però la doccia fredda: ai lavoratori è stato chiesto di lasciare le camere, perché evidentemente di loro, a emergenza finita - nonostante i contagi in Lombardia siano ancora diverse decine al giorno - non c’era più bisogno. Uno “sfratto” che ha fatto infuriare chi si era trasferito a centinaia di km di distanza da casa per lottare contro il Covid-19 e contribuire a salvare delle vite.


«Avevo risposto alla chiamata dalla Sicilia, ma senza alloggio pagato non posso mantenermi a Milano», le parole di un infermiere al Corriere della Sera. Un’operatrice socio sanitaria aggiunge: «Non ci hanno dato alcun preavviso». Una situazione paradossale, considerando le scene che si vedevano nei video sui social postati fino a due mesi fa, con le sirene che risuonavano nell’aria mentre si applaudivano gli eroi medici e infermieri.

Anche gli albergatori, scrive il Corriere, sono rimasti spiazzati: «Ci siamo rimasti male, è arrivata una comunicazione inaspettata», ammette uno, che specifica come il check-out sarebbe dovuto arrivare entro un paio di giorni. Ma tutto è bene quel che finisce bene: sia il Policlinico che la Regione si sono impegnati a coprire i costi e garantire i posti negli hotel fino alla fine di luglio. Un lieto fine che non cancella però una curiosità: sapremo mai chi è il genio ad aver avuto questa brillante idea? Ultimo aggiornamento: 11:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA