Tragico incidente, Moreno muore mentre torna a casa dal lavoro

Un'immagine dell'incidente e, nel riquadro, la vittima
Un'immagine dell'incidente e, nel riquadro, la vittima
di Ilaria Bosi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 23 Settembre 2022, 09:18

SPOLETO - Stava rientrando a casa dopo una giornata di lavoro, Moreno Matteucci, il 62 anni morto nel tragico incidente stradale che si è verificato giovedì sera a San Martino in Trignano. L’uomo, caposquadra dell’area servizi cimiteriali dell’Ase (azienda comunale), era alla guida della sua Micra e stava percorrendo la strada che collega San Giovanni di Baiano a San Martino.

Mattia e Brunella spazzati via dall'alluvione: ottavo giorno di ricerche tra acqua e terra. Tornano i cani molecolari

All’altezza del ponticello, nei pressi di un maneggio, per cause da chiarire, ha perso il controllo dell’utilitaria, che ha invaso l’opposta corsia di marcia. L’impatto con la Golf condotta da una donna, che viaggiava in direzione opposta, è stato praticamente inevitabile. La Volkswagen, dopo l’impatto, è finita nella scarpata. La donna che era all’interno dell’abitacolo è stata subito soccorso e trasportata in ospedale, a Terni, per gli accertamenti del caso. Le sue condizioni, comunque, non sarebbero gravi. Per Matteucci, invece, non c’è stato niente da fare. Sul posto, insieme al 118, sono intervenuti gli agenti della Polizia locale e i vigili del fuoco. Quel tratto di strada, considerato anche molto pericoloso perché al centro di un restringimento, a quell’ora è molto trafficato e diverse persone hanno assistito all’incidente. Tra le ipotesi, che dovranno essere suffragate dagli accertamenti che verranno disposti, non si esclude quella del malore. Matteucci è molto conosciuto, non soltanto a San Martino, dove abitava nella zona di Scatarci, ma in tutto il comprensorio spoletino. Lavorando come caposquadra nell’area dei servizi cimiteriali dell’azienda comunale, è uno dei riferimenti per le tumulazioni nei cimiteri del territorio. E giovedì, secondo quanto trapelato, tornava proprio da un servizio di questo genere. La strada che porta a viale Cerquestrette è rimasta chiusa per un paio d’ore, per consentire ai vigili urbani di effettuare i rilievi. Solo in tarda serata, del resto, si sono concluse le operazioni di recupero della Golf, finita nella scarpata sottostante. Le due auto coinvolte nello scontro, come avviene in questi casi, sono state sottoposte a sequestro e saranno al centro di specifici accertamenti. Il corpo del povero Matteucci, invece, è stato trasferito nell’Istituto di Medicina legale di Perugia, a disposizione dell’autorità giudiziaria. Tra oggi e domani la procura deciderà se disporre o meno l’autopsia.

© RIPRODUZIONE RISERVATA