Iene positive al Covid: primo caso al mondo. Due esemplari contagiati nello zoo di Denver

Positivi anche 11 leoni, due tigri e un leopardo ospiti della stessa struttura

Iene positive al Covid: primo caso al mondo. Due esemplari contagiati nello zoo di Denver
Iene positive al Covid: primo caso al mondo. Due esemplari contagiati nello zoo di Denver
3 Minuti di Lettura
Sabato 6 Novembre 2021, 18:26

Francesco Renga si racconta a Verissimo e ammette di essere sereno in ambito professionale e familiare. Il rapporto con Ambra Angiolini, la madre dei suoi figli, si è evoluto nel tempo e oggi si può parlare di "famiglia allargata". A dargli serenità c'è anche il lavoro: sta realizzando un album dopo tanti anni. Inoltre, è giudice di All Together Now - con Michelle Hunziker -  e l'esperienza è più che positiva.

La conferma dai test di laboratorio

I campioni prelevati dalle due iene sono risultati positivi in un laboratorio della Colorado State University e poi confermati dal laboratorio nazionale. Oltre alle due iene, allo zoo sono risultati positivi 11 leoni, due tigri e anche Ramil, il leopardo delle nevi. «Le iene sono note per essere altamente tolleranti all'antrace, alla rabbia e al cimurro. Per il resto sono sani e ci si aspetta che guariscono completamente», si legge in una nota dello zoo.

I funzionari dello zoo hanno detto che le iene 'Ngozi, di 22 anni, e Kibo, di 23, avevano sintomi lievi tra cui una leggera letargia, secrezione nasale e tosse. Gli animali risultati positivi nelle ultime settimane si sono completamente ripresi, alcuni, o sono sulla via della guarigione, altri. 

Animali, cautele in ambito domestico

In base a quanto comunicato dai responsabili della struttura che ospita gli animali, tremila esemplari di 450 differenti specie, "ora sappiamo che molte altre specie potrebbero essere esposte al rischio di contrarre il Covid-19". Secondo il Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti, che sovrintende alla NVSL (National Veterinary Services Laboratories, struttura di riferimento nel panorama internazionale), sono state segnalate infezioni in più specie in tutto il mondo, soprattutto in esemplari che hanno avuto contatto con umani positivi al coronavirus. Per questo le persone affette da Covid-19 dovrebbero evitare il contatto ravvicinato con gli animali, in particolare quelli domestici, con l'obiettivo di proteggerli dal contagio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA