Putin, la Russia e la tensione. Kiev: «Gruppi armati costringono le persone al voto del referendum». Ancora code per fuggire dal Paese

Prosegue l'esodo dei russi verso la Finlandia. La Gran Bretagna: "Lo zar è in difficoltà"

Putin, la Russia e la tensione. Kiev: «Gruppi armati costringono le persone al voto del referendum». Licenziato chi rifiuta
Putin, la Russia e la tensione. Kiev: «Gruppi armati costringono le persone al voto del referendum». Licenziato chi rifiuta
3 Minuti di Lettura
Venerdì 23 Settembre 2022, 09:28

Russia, cosa succede? Continua a essere intenso il traffico alla frontiera tra la Finlandia e la Russia dopo l'annuncio del presidente Vladimir Putin di voler richiamare 300mila riservisti da inviare a combattere in Ucraina. Lo hanno detto le guardie di frontiera finlandesi riferendosi al confine sudorientale con la Russia. Ieri il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov aveva definito «esagerato» parlare di esodo di russi. Da lunedì i cittadini russi possono entrare nell'Unione Europea solo attraverso il confine di 1.340 chilometri con la Finlandia. A differenza delle nazioni baltiche e della Polonia, la Finlandia non ha limitato completamente l'ingresso dei turisti russi con visto Schengen

STUDENTI - «È improbabile che la campagna di coscrizione in corso in Russia consenta di avere soldati efficaci e sta provocando un contraccolpo interno significativo con scarso successo»: lo afferma i rapporti di Isw (Istituto per lo studio della guerra) e Guardian nell'ultima valutazione della campagna offensiva russa appena pubblicato. Secondo Isw, le autorità russe hanno già iniziato a infrangere i loro impegni di limitare la coscrizione a uomini con esperienza militare e di non arruolare studenti russi. I filmati pubblicati fuori dalla Russia mostrano la polizia militare che ritira gli studenti dalle lezioni per la mobilitazione. A Mosca gli agenti di polizia hanno iniziato a consegnare avvisi di leva a tutti coloro che sono stati arrestati per le proteste in piazza. «L'approccio pesante del Cremlino alla mobilitazione sta suscitando rabbia e sfiducia nell'opinione pubblica in tutta la Russia», scrive Isw.

REFERENDUM - «Gli occupanti russi hanno organizzato gruppi armati per circondare le abitazioni e costringere le persone a partecipare al cosiddetto referendum. I cittadini sono stati minacciati: coloro che non parteciperanno alla votazione verranno automaticamente licenziati dal lavoro». Le autorità hanno vietato alla popolazione locale di lasciare la città tra il 23 e il 27 settembre (date in cui si tiene il referendum di annessione alla Russia)». Lo ha riferito il governatore ucraino in esilio di Lugansk Sergey Gaidai, riportato dal Guardian.

I COMPENSI - I moscoviti che saranno mobilitati in Ucraina riceveranno un compenso aggiuntivo per il servizio militare. Lo ha promesso il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin annunciando un bonus mensile regionale di 50.000 rubli (808 dollari) oltre agli stipendi come militari. In caso di grave infortunio, ha aggiunto, verrà pagato un premio aggiuntivo di un milione di rubli, mentre se l'infortunio è lieve riceveranno 500mila rubli. Le autorità di Mosca pagheranno 3 milioni di rubli alle famiglie delle persone che perderanno la vita in Ucraina.

© RIPRODUZIONE RISERVATA