Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Putin e le minacce, Biden: «Chiunque vinca, l'Italia non lascerà la coalizione». La Ue: in arrivo nuove sanzioni

La Casa Bianca: "La missione dello zar sta fallendo"

Putin e le minacce, Biden: «Chiunque vinca, l'Italia non lascerà la coalizione». La Ue: in arrivo nuove sanzioni
Putin e le minacce, Biden: «Chiunque vinca, l'Italia non lascerà la coalizione». La Ue: in arrivo nuove sanzioni
2 Minuti di Lettura
Giovedì 22 Settembre 2022, 10:17

«Chiunque diventerà il nuovo primo ministro in Italia, il presidente americano dovrà parlarci subito e prendere le misure di quella persona e stabilire cosa questo significherà»: lo ha riferito un alto dirigente della Casa Bianca parlando con i giornalisti a margine dell'assemblea generale dell'Onu. «Non crediamo che, a prescindere dall'esito del voto, l'Italia in qualche modo si sfilerà dalla coalizione occidentale dei Paesi che sostengono l'Ucraina»: lo ha riferito un alto dirigente della Casa Bianca (a nome di Biden) ai giornalisti a margine dell'assemblea dell'Onu. «E pensiamo che neppure i nostri partner chiave in Europa lo pensino, anche se questo non significa che sarà esattamente lo stesso che con Draghi», ha aggiunto. «Ma - ha proseguito - pensiamo che questa narrativa da fine del mondo sulle elezioni italiane non corrisponda con le nostre aspettative di cosa accadrà».

Terribile incidente, travolta da un'auto a Macerata: donna di 67 anni muore sul colpo

«La decisione del presidente Putin di mobilitare parzialmente i cittadini russi, ordinando loro di combattere in Ucraina, riflette le difficoltà del Cremlino sul terreno di battaglia, l'impopolarità della guerra e la riluttanza dei russi a combatterla»: lo afferma il segretario di stato Usa Antony Blinken. «Putin non sta operando da una posizione di forza ma questo è piuttosto un segno del fallimento della sua missione», ha aggiunto.

«Altre misure restrittive verranno adottate al più presto in coordinazione con i nostri partner». È la decisione adottata dal Consiglio degli affari esteri straordinario dell'Ue comunicata dall'Alto Rappresentante degli Affari Esteri Josep Borrell. Il quale ha precisato che «continueremo ad aumentare il nostro supporto militare all'Ucraina e studieremo un nuovo pacchetto di sanzioni che prenda di mira settori dell'economia russa e una nuova lista di individui».

© RIPRODUZIONE RISERVATA