Green pass al lavoro: dallo smart working alle multe (sino a 1.000 euro) la guida completa

Mercoledì 15 Settembre 2021 di Diodato Pirone
Green pass per tutti i lavoratori da metà ottobre: regole, smart working e multe (sino a mille euro), la guida

Presto il Green pass sarà obbligatorio per tutti i lavoratori anche se con ogni probabilità si inzierà dai dipendenti pubblici. Gli ultimi dettagli saranno messi a punto entro domani in vista del consiglio dei ministri che varerà un nuovo decreto.

Green Pass, i sindacati oggi a Palazzo Chigi: si va verso l'estensione per i lavoratori di pubblico e privato

Green pass, si parte a metà ottobre

Restano da sciogliere dettagli importanti, come le regole da prevedere per gli studi professionali, ma è ormai chiaro che da metà ottobre tutti i lavoratori dovranno avere il Certificato vaccinale se vorranno esercitare l'attività per la quale sono pagati. In realtà già oggi è fissata al 10 ottobre la data ultima per la vaccinazione dei dipendenti delle Rsa ed è possibile che l'obbligo di Green pass per tutti o comunque per tutti i dipendenti pubblici venga anticipato a quella data.

Si tratta di un limite in qualche modo indicato dalle autorità sanitarie che prevedono un aumento dei casi di contagio con la riapertura delle scuole e che pertanto intendono alzare in contemporanea il livello delle vaccinazioni per contrastare la diffusione del virus.

Ue, Von der Leyen: siamo leader nel mondo nei vaccini, fieri di aver agito come un Europa unita

Coinvolti tutti i dipendenti pubblici

In ogni caso a partire dalla data che sarà resa nota domani, il nuovo decreto stabilirà che i lavoratori di tutti gli uffici pubblici non potranno entrare in ufficio  senza certificazione. La novità era attesa dopo che il ministro della Funzione Pubblica aveva detto che lo smart working dei dipendenti pubblici andava riportato sotto la soglia del 15%. L'obbligo riguarderà tutti i comparti pubblici di ogni genere e grado senza eccezione alcuna. Dunque dovranno vaccinarsi obbligatoriamente anche giudici e cancellieri anche se non è chiaro cosa dovranno fare imputati e testimoni nel corso di un processo.

NUOVE REGOLE SULLO SMART WORKING

In fatto di smart working dei dipendenti pubblici è importante sottolineare che ieri l'Aran, l'Agenzia che tratta con i sindacati le regole del lavoro pubblico, ha diffuso la nuova bozza del regolamento sul lavoro agile che obbliga il lavoratore a garantire "la piena operatività della dotazione informatica" che usa per lavorare. Il dipendento dovrebbe impegnarsi ad adottare «tutte le precauzioni e le misure necessarie e idonee a garantire la più assoluta riservatezza sui dati e sulle informazioni in possesso dell'Ente che vengono trattate dal lavoratore stesso".

 

Green pass, il governo accelera su obbligo: il Senato pone la fiducia e Draghi convoca i sindacati

Estensione a chi lavorea nei ristoranti

Sembra scontato l'obbligo di pass anche per alcune categorie private in attesa di una data che valga per tutti i dipendenti. Chi lavora in ristoranti e bar dovrà presto dotarsi di pass. Qui, del resto, per l'accesso all'interno delle strutture, di fatto quasi obbligatorio da ottobre per via delle temperature, i clienti devono già disporre della Certificazione. E' probabile che analogo obbligo venga esteso anche ai macchinisti dei treni e agli autisti dei bus pubblici nonché ai tassisti.

Il tema dei controlli

Le verifiche saranno affidate ai capi dei reparti o ai titolari delle strutture private, come già stabilito nel decreto che impone il vaccino al personale sanitario e il green pass al personale scolastico. Oltre alle multe da 400 a 1.000 euro chi non rispetterà l'obbligo di Certificazione rischierà la sospensione dall'incarico e dallo stipendio.

Amazon Italia, firmato il protocollo al ministero: ora i sindacati potranno trattare su norme e stipendi

 

Ultimo aggiornamento: 17 Settembre, 15:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA