Il gallo canta alle alle 4.30 del mattino, multa da 166 euro a un ottantatreenne

Venerdì 7 Agosto 2020
Il gallo canta alle alle 4.30 del mattino, multa da 166 euro a un ottantatreenne
Il gallo canta troppo presto e lui riceve una multa sostanziosa. È la singolare vicenda capitata a un ex muratore di Castiraga Vidardo, nel Lodigiano, che da qualche settimana tiene in giardino l'animale. A 83 anni l'uomo si è visto arrivare una multa da 166 euro perché il suo gallo canta dalle 4 e 30 disturbando i vicini. In realtà lo aveva ripreso, dato che aveva posseduto il gallo per dieci anni prima di affidarlo ad un amico, da poco partito in vacanza.

I vicini non hanno gradito il ritorno e hanno presentato un esposto alla polizia locale dato che l'articolo 24 del regolamento comunale vieta il disturbo da animali che stiano, in case, giardini o cortili, dalle 22 alle 8. Il vigile, accertato che il gallo cantava alle 4.30, ha chiesto al pensionato di provvedere a fare in modo che l'animale non svegliasse il vicinato così presto, poi l'agente è partito per le vacanze. «Quando torna in servizio dopo le ferie - ha spiegato il sindaco Emma Perfetti - la situazione è identica. La multa era inevitabile». «Ora - ha aggiunto - il signore dice che vuole rivolgersi in questura e in prefettura per contestare il verbale. Noi diciamo: vada dove desidera. Le normative vanno rispettate».


  Ultimo aggiornamento: 16:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA