«Il bagaglio a mano va messo in stiva»
Ma poi lo apriva e rubava i preziosi

«Il bagaglio a mano va messo in stiva» Ma poi lo apriva e rubava i preziosi
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 30 Agosto 2017, 14:43 - Ultimo aggiornamento: 16:29
TESSERA - Carabinieri e polizia di frontiera hanno scoperto l'autore di furti ai danni di passeggeri a Tessera. I malcapitati consegnavano il bagaglio a mano agli operatori al momento dell'imbarco - a causa del poco spazio nell'aereo e la necessità di metterlo nella stiva - peccato che poi, però, il responsabile "smistasse" le valigie e ne approfittasse per frugare all'interno di quelle più interessanti per rubare oggetti di valore.


Le indagini hanno preso avvio dalla denuncia presentata da un passeggero padovano presso la stazione carabinieri di Legnaro ed hanno consentito agli investigatori, avvalendosi anche delle immagini del sistema di videosorveglianza aeroportuale fornite dal gestore aeroportuale Save s.p.a., di accertare la dinamica dei fatti e segnalare alla procura della repubblica di venezia un cittadino italiano a.g. di anni 45 dipendente della società gh venezia spa che eroga i servizi di handling aeroportuali (carico scarico bagagli, check-in, ecc.). Quest'ultimo, approfittando del proprio ruolo di responsabile di una squadra di operatori addetti al carico ed allo scarico dei bagagli, riusciva a separare alcuni bagagli dal circuito per sottrarre oggetti di valore. Durante l’attività di perquisizione dell’armadietto in uso al dipendenteal Marco Polo e in casa a Marcon, è stata recuperata parte della refurtiva denunciata dal passeggero padovano oltre ad altri oggetti, in particolare un cospicuo numero di occhiali da sole di dubbia provenienza. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA