Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Muore a 17 anni ad una settimana dal tremendo incidente in scooter

Francesco de Coppi
Francesco de Coppi
3 Minuti di Lettura
Domenica 28 Novembre 2021, 09:42

Muore a 17 anni, a una settimana dal tremendo incidente in scooter. Non ce l'ha fatta Francesco De Coppi, adolescente di Conegliano, che dal 17 novembre era ricoverato in gravissime condizioni all'ospedale Ca' Foncello di Treviso. Troppo gravi le ferite riportate nell'incidente. Il sinistro era successo a Mareno di Piave, la sera di mercoledì scorso. Erano le 23 e il ragazzo stava percorrendo via Ca' Larga in sella al suo scooter Piaggio. All'improvviso ha perso il controllo del motorino, è caduto a terra attraversando l'incrocio per poi impattare contro la Fiat Tipo sopraggiunta nel frattempo. Le condizioni del giovane ferito erano apparse fin da subito gravissime. Il ragazzo era stato trasportato d'urgenza al Ca' Foncello, in prognosi riservata. E tutta la comunità aveva fatto il tifo per lui, tenendo accese le speranze nonostante il quadro clinico sempre più critico. Per lui era stata organizzata anche una veglia di preghiera: martedì 23 novembre nella chiesa di Campolongo amici, compagni e l'intera comunità si era stretta attorno alla famiglia, che adesso è sprofondata nel dolore. 

Le speranze erano fin da subito ridotte al lumicino ma la famiglia e, insieme a lei, l'intera comunità le hanno tenute vive fino all'ultimo, anche attraverso la preghiera. Purtroppo non è bastato. Troppo gravi le ferite riportate nello schianto, avvenuto la sera del 17 novembre, a Mareno di Piave. Ieri, dopo otto giorni di agonia, Francesco si è arreso. I suoi organi saranno donati. Mamma Stefania, papà Giovanni e la sorella Giulia sono sprofondati nel dolore. E l'intera comunità è sotto choc, a partire dall'amico che era in sella con lui la sera dell'incidente e che lo ha visto impattare contro un'auto. L'ennesima vita spezzata sulle strade della Marca, la terza in una settimana dopo il barista Andrea Capano, 35 anni di Casale sul Sile, morto carbonizzato nella sua auto uscita di strada domenica sera a Zerman di Mogliano e l'imprenditore Luca Schieven, 43 anni, morto ieri a Trevignano dopo il frontale con un camion e la carambola nel fosso. L'ultima croce è quella di Francesco: liceale di 4F al Marconi di Conegliano, atleta agonista della Atl-Etica di San Vendemiano con cui si era tolto più di qualche soddisfazione vincendo gare di corsa. Un ragazzo a modo, riservato, con due tratti distintivi: il sorriso gentile e il ciuffo castano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA