«Nostro figlio è stato bocciato ​perché
era troppo alto»: il caso a Salerno

«Nostro figlio è stato bocciato perché era troppo alto»: il caso a Salerno
«Nostro figlio è stato bocciato perché era troppo alto»: il caso a Salerno
1 Minuto di Lettura
Domenica 30 Settembre 2018, 06:45 - Ultimo aggiornamento: 15:47

Il disagio dovuto anche alla sua «notevole crescita in altezza» durante l’anno non ha convinto i giudici del Tar di Salerno a far sì che l’alunno non dovesse ripetere la quarta liceale, così come deciso, invece, dal Consiglio di classe del 13 giugno.

LEGGI ANCHE Imola, studentessa chiede al padre quaderni e zaino ma lui la picchia. Bambina di 10 anni le dona 15 euro

Giuseppe (lo chiameremo così perché la sua identità è coperta da «omissis») frequenta una scuola superiore salernitana. Concluso l’anno scolastico, i professori decidono per la sua bocciatura. E motivano scrivendo, tra l’altro, che l’alunno «ha frequentato le lezioni in modo discontinuo, accumulando un numero elevato di assenze e ritardi, partecipando alle attività didattiche in modo passivo e superficiale, utilizzando un metodo di studio inefficace». 

I genitori sono di tutt’altra idea e chiedono ai giudici amministrativi di annullare il verbale degli insegnanti, sottolineando tra le altre cose, che lo studente abbia fatto «numerose assenze a causa di problemi fisici e psicologici dovuti al disagio tipico dei ragazzi in età compresa tra i 13 e i 18 anni, nonché dovuti a questioni familiari ed alla sua rapida e notevole crescita in altezza». Ma il Tar respinge il ricorso: il ragazzo dovrà ripetere l'anno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA