Febbre di Lassa, morto un neonato: era uno dei tre contagiati nella stessa famiglia

L febbre di Lassa è una «patologie di origine virale a carattere sistemico, caratterizzate da esordio improvviso»

Un neonato è morto per aver contratto la febbre di Lassa: una patologia di origine virale a carattere sistemico
Un neonato è morto per aver contratto la febbre di Lassa: una patologia di origine virale a carattere sistemico
3 Minuti di Lettura
Martedì 15 Febbraio 2022, 22:03

Morto un neonato per febbre di Lassa. A comunicarlo è la BBC. Il bambino, morto la scorsa settimana al Luton and Dunstable Hospital, nel Regno Unito, era uno dei tre casi confermati, tutti all'interno della stessa famiglia. Centinaia di personale lì e all'Addenbrooke's Hospital di Cambridge sono stati identificati come potenziali contatti. 

Cosa è? Come specificato dall'Istituto Superiore di Sanità (ISS), la febbre di Lassa fa parte delle febbri emorragiche virali (Fev), tra le quali c'è anche quella provocata dal virus Ebola. Si tratta di «patologie di origine virale a carattere sistemico, caratterizzate da esordio improvviso, acuto e spesso accompagnate da manifestazioni emorragiche», scrive l'ISS. La febbre di Lassa prende il nome da una città della Nigeria, dove circa mezzo secolo fa fu diagnosticata per la prima volta in due infermiere.

Come riport la BBC, in un'e-mail al personale, il Cambridge University Hospitals NHS Trust, che gestisce l'Addenbrooke's, ha dichiarato: «I colleghi identificati attraverso il nostro esercizio di tracciamento dei contatti del personale sono stati obbligati a intraprendere un periodo di isolamento precauzionale di 14 giorni e non avere contatti con i pazienti per 21 giorni. Come previsto, ciò ha un impatto sui nostri livelli di personale e ha richiesto la chiusura temporanea di una parte sostanziale della terapia intensiva, con un impatto anche sui nostri servizi clinici. Vogliamo assicurarvi che i casi di febbre di Lassa sono rari nel Regno Unito e non si diffondono facilmente tra le persone. Il rischio complessivo per il personale sanitario e gli altri pazienti è molto basso».

Anche l'unità neonatale del Luton and Dunstable Hospital è stata chiusa a nuovi ricoveri. La dottoressa Susan Hopkins, consulente medico capo dell'UKHSA, ha affermato che i casi erano collegati a un recente viaggio in Africa occidentale, dove la malattia trasmessa dagli animali è endemica.

La maggior parte delle persone con febbre di Lassa guarisce, ma alcune possono ammalarsi gravemente. Il segretario alla salute Sajid Javid, in visita a Clacton, nell'Essex, lunedì, ha affermato che la situazione è «sotto controllo». Prima di questi nuovi casi, ne erano stati identificati solo otto nel Regno Unito dal 1980, e gli ultimi due si sono verificati nel 2009, secondo l'UKHSA.

© RIPRODUZIONE RISERVATA