Milano e Torino, proteste e saccheggi contro il Dpcm: 7 arresti e 28 fermati

Martedì 27 Ottobre 2020

Arresti e denunce, il bilancio delle proteste e dei saccheggi che ieri hanno infuocato diverse città italiane conta sette arresti e decine di denunce che vanno dal furto aggravato al danneggiamento. 

A Milano

Sono 28 le persone che sono state accompagnate in questura a MIlano in seguito degli incidenti di ieri sera a Milano durante una manifestazione non autorizzata contro i provvedimenti per il contenimento del coronavirus. La loro posizione è al vaglio degli investigatori per i provvedimenti a loro carico.

 

Alla protesta hanno partecipato alcune centinaia di persone e gli autori dei disordini sarebbero in particolare giovanissimi. Danni soprattutto a dehors di locali, monopattini e biciclette a noleggio, a un tram, mentre è stata scagliata una bottiglia incendiaria contro un'auto della Polizia locale che non è stata colpita.

Dpcm, scontri e tensioni. Saccheggi a Torino, 10 fermi e un ferito. Proteste anche a Napoli, Milano e Roma. Allerta Viminale

A Torino

Due cittadini egiziani, un maggiorenne e un minorenne, sono stati arrestati dalla polizia per il saccheggio del negozio Gucci di via Roma, a Torino, durante le proteste anti Dpcm di ieri sera. Sono accusati di furto e di resistenza aggravata. I due sono stati fermati dalla polizia mentre si allontanavano dal negozio con un borsone pieno di refurtiva, che è già stata restituita al negozio. Sempre per resistenza sono stati arrestati tre italiani, di cui uno anche per furto aggravato nel negozio Louis Vitton. Due denunciati invece in relazione a quanto accaduto davanti al negozio di Gucci. Durante i disordini erano state arrestate cinque persone, tra cui alcuni appartenenti a gruppi ultrà, e due denunciati dalla Digos. Sono una decina, tra le forze dell'ordine, i feriti negli scontri avvenuti ieri sera.

 

Ultimo aggiornamento: 09:41 © RIPRODUZIONE RISERVATA