Compleanno in autogrill per aggirare i divieti, la festa con 15 persone sulla A14 beffa il dpcm

Venerdì 30 Ottobre 2020
Compleanno in autogrill per aggirare i divieti, festa con 15 persone sulla A14 beffa il dpcm

Festa di compleanno in autogrill per aggirare i divieti del nuovo dpcm. Succede ad Acquaviva delle Fonti, in Puglia, dove un gruppo di 15 persone ha pensato bene di organizzare un party in piena regola, in barba alle nuove norme anti-Covid, proprio in un'area di sosta dell'autostrada A14 Bologna-Taranto. Questi punti ristoro, infatti, non devono sottostare all'obbligo di chiudere i battenti alle 18 come per tutti gli altri ristoranti e locali italiani. Gli autogrill sono esentati dall'obbligo di chiusura per permettere agli automobilisti di effettuare delle soste durante i loro tragitti in macchina, ma nessuno immaginava che potessero diventare il non plus ultra delle location festaiole. 

LEGGI ANCHE:

 

Coronavirus, quindici ricoverati in più negli ospedali marchigiani nelle ultime 24 ore

Sui social erano stati in molti a proporre scherzosamente di ritrovarsi proprio in questa sorta di zone franche per feste e serate in compagnia. Qualcuno ha pensato bene di passare dalle parole ai fatti, organizzando una maxi (almeno per gli standar di oggi) festa di compleanno. Le foto della festa, risalenti allo scorso 29 ottobre, hanno immediatamente fatto il giro del web.

 

Il problema è che, chi pensa di aggirare i divieti festeggiando con oltre 6 persone in autogrill, in realtà sta infrangendo comunque un altro divieto, ovvero quello di organizzare feste nei luoghi, sia al chiuso che all'aperto "comprese quelle conseguenti alle cerimonie civili e religiose". Insomma, la pratica delle feste in autogrill, per quanto possa sembrare legittima dal punto di vista legale, in realtà viola le norme anti-covid. L'effetto-imitazione, però è dietro l'angolo. 

 

Video

 

Ultimo aggiornamento: 19:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA