Finge disturbi mentali per incassare la pensione di invalidità: in 38 anni donna aveva incassato 205 mila euro

Mercoledì 4 Maggio 2022
Ha finto disturbi mentali per 38 anni per la pensione di invalidità: sequestro di oltre 205mila euro a una donna

Avrebbe finto una grave infermità mentale e ottenuto la pensione di invalidità civile e l'indennità di accompagnamento per oltre 38 anni. In realtà sarebbe stata autonoma e in grado di provvedere alle proprie esigenze senza alcun aiuto. È il caso di una donna di 67 anni di Palermo, nei confronti della quale i finanzieri del comando provinciale di Palermo hanno dato esecuzione ad un decreto di sequestro preventivo emesso dal gip del Tribunale di Termini Imerese, su richiesta della procura, per un valore complessivo di oltre 205 mila euro, corrispondente al profitto del reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche.

 

 

 

Le indagini dei finanzieri del Nucleo di Polizia economico-finanziaria hanno consentito di ipotizzare che l'indagata, una donna di 67 anni residente in provincia di Palermo, abbia voluto frodare lo Stato mettendo in scena la sua invalidità fin dal lontano 1983.

 

L'indagata, nel corso degli accertamenti sanitari, sarebbe riuscita ad ingannare la commissione medica risultando affetta da una grave patologia, diagnosi successivamente confermata nel 2010, che le ha garantito una pensione di invalidità di 800 euro al mese.

 

Durante le indagini, è stata vista fare la spesa al mercato rionale, interagendo normalmente con avventori e commercianti e, inoltre, le foto del suo profilo social la ritrarrebbero in atteggiamenti incompatibili con la patologia certificata: in una immagine, ad esempio, sarebbe ritratta mentre pratica sport.

© RIPRODUZIONE RISERVATA