Diabolik, bruciata la panchina dell'omicidio
con fiori e sciarpe degli ultrà laziali

Diabolik, bruciata la panchina
dell'omicidio con fiori
e sciarpe degli ultrà laziali
Diabolik ucciso, bruciata la panchina. È stata bruciata nella notte la panchina nel parco degli Acquedotti dove il 7 agosto scorso Diabolik, alias Fabrizio Piscitelli, leader degli Irriducibili della Lazio, è stato freddato con un colpo di pistola alla testa con un'esecuzione in piena regola. Lo riferisce l'Adn-Kronos. 

Diabolik, Gaudenzi fa i nomi dei killer di Piscitelli: «Ucciso per il contrabbando in Africa»

 
 


Un evidente atto intimidatorio, messo a segno in quell'angolo di via Lemonia, nel quartiere dell'Appio Tuscolano, che il delitto 'eccellentè ha portato alla ribalta della cronaca e dove tifosi e amici del capo Ultras avevano ricreato una sorta di curva, tra fiori e sciarpe che ricordavano Diablo.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 12 Settembre 2019, 16:32 - Ultimo aggiornamento: 12-09-2019 17:11

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO