Conte, le anticipazioni sul decreto: «A scuola a settembre, dal 4 maggio non sarà liberi tutti»

Domenica 26 Aprile 2020
Conte, le anticipazioni sul decreto: «A scuola a settembre, dal 4 maggio non sarà liberi tutti»

«La scuola è al centro dei nostri pensieri e riaprirà a settembre. La ministra Azzolina sta lavorando per consentire che gli esami di Stato si svolgano in conferenza personale, in condizioni di sicurezza». Lo dice il premier Giuseppe Conte in un'intervista a Repubblica, anticipando alcuni dei contenuti del provvedimento che allenterà il lockdown dal 4 maggio. «Tutti gli scenari elaborati dal comitato tecnico-scientifico prefigurano rischi molto elevati di contagio, in caso di riapertura delle scuole. È in gioco la salute dei nostri figli, senza trascurare che l'età media del personale docente è tra le più alte d'Europa. La didattica a distanza, mediamente, sta funzionando bene». Nel decreto in preparazione, annuncia, «saranno previste misure specifiche di sostegno per i genitori che hanno figli a casa: congedo straordinario e bonus babysitting».

LEGGI ANCHE: Monsignor Coccia: «Riapriamo le chiese. Domenica al lavoro? In emergenza si può»

NON SARA' LIBERI TUTTI «Stiamo lavorando per consentire la ripartenza di buona parte delle imprese», assicura, ma avverte, «non siamo ancora nella condizione di ripristinare una piena libertà di movimento, non sarà un 'liberi tutti'».
«Non possiamo procedere in ordine sparso. Non possiamo permettercelo perché il virus non conosce distinzioni territoriali e dobbiamo assolutamente prevenire una seconda ondata di contagi. Il piano nazionale che abbiamo messo a punto ci consente una ripresa ben strutturata, ragionata, senza concessione a improvvisazioni», sottolinea il presidente del Consiglio.

LEGGI ANCHE: Dopo le mascherine fantasma la Regione adesso ne ordina 4 milioni

CERIMONIE RELIGIOSE «Abbiamo sollecitato al comitato tecnico-scientifico l'indicazione di nuove regole per le cerimonie religiose. Auspichiamo di poter venire incontro all'esigenza, fondamentale per i credenti, di accostarsi ai sacramenti. Una privazione che questa emergenza ci ha portato e che personalmente ho trovato particolarmente dolorosa, è la rinuncia ai funerali che significano anche un ultimo gesto di raccoglimento e di affetto nei confronti delle persone care che ci lasciano».

 

Ultimo aggiornamento: 09:04 © RIPRODUZIONE RISERVATA