Spiagge, quali regole per l'estate? Dai 10 mq ad ombrellone agli steward cosa c'è da sapere

Sabato 5 Giugno 2021 di Alberto Gentili
Come andremo in spiaggia? Tutte le regole, dai 10 mq ad ombrellone agli steward

È tempo di mare, nonostante questo week-end sia sotto il segno del tempo perturbato. Tant’è, che dopo la lunga fase delle restrizioni imposte dall’epidemia da Covid-19, già da metà maggio le spiagge sono affollate. Ci sono però regole da seguire in base alle indicazioni del Comitato tecnico scientifico e della Conferenza delle Regioni.

Covid Italia, bollettino oggi 5 giugno: 2.436 nuovi casi e 57 morti. Calano le terapie intensive

Steward e capienza - Le regole prevedono la presenza dello steward di spiaggia che deve accompagnare il cliente all’ombrellone e illustrare ai bagnanti le misure di prevenzione da rispettare. Inoltre ogni stabilimento deve definire il numero massimo di presenze contemporanee «in relazione ai volumi di spazio e ai ricambi d’aria e alla possibilità di creare aggregazioni in tutto il percorso di entrata, presenza e uscita».

Così in spiaggia sul litorale romano, l'ordinanza Raggi in Pdf

 

L'igiene - Le regole stabiliscono che gli stabilimenti devono rendere «obbligatoriamente disponibili» i prodotti per l’igienizzazione delle mani, sia per i clienti, sia per il personale. E questi prodotti devono essere posti «in più punti dello stabilimento». Viene inoltre raccomandato l’accesso alle spiagge tramite prenotazione. E i gestori degli stabilimenti dovranno conservare l’elenco delle presenze per un periodo di 14 giorni.

Fedriga: «Regioni in prima linea durante Covid, lo Stato pensava ai banchi a rotelle»

Le precauzioni per la cassa - Tra le raccomandazioni non obbligatorie c’è la misurazione della temperatura all’ingresso dello stabilimento. E andrà impedito l’accesso ai clienti che abbiano una temperatura superiore ai 37,5 gradi. Previste inoltre precauzioni alla cassa dello stabilimento: la postazione del cassiere può essere dotata di barriere fisiche, come gli schermi protettivi trasparenti. In alternativa il personale deve indossare la mascherina e avere a disposizione prodotti igienizzanti per le mani. Va favorita la modalità di pagamento elettronica.

 

 

Dieci metri quadrati a ombrellone - Le linee guida stabiliscono una distanza di almeno un metro fra i clienti, a meno che non siano dello stesso nucleo familiare, e va garantito l’accesso allo stabilimento in modo ordinato, con l’obiettivo di evitare assembramenti, con un percorso dedicato all’entrata e un altro all’uscita. In più, ogni ombrellone dovrà avere a disposizione una superficie di «almeno 10 metri quadrati». Tra lettini, sedie a sdraio, quando non sono posizionati nell’area dell’ombrellone deve essere assicurata la distanza di almeno un metro. Inoltre è necessario favorire l’ampliamento delle zone d’ombra «per prevenire gli assembramenti, soprattutto durante le ore più calde».

Vaccino, Figliuolo: «Italia seconda in Europa per popolazione immunizzata»

Disinfezione continua - Per evitare i contagi, anche se ormai la campagna vaccinale e il caldo stanno spingendo il virus in ritirata, i gestori degli stabilimenti devono effettuare «una regolare e frequente pulizia e disinfezione di aree comuni, spogliatoi, cabine, docce, servizi igienici». Sdraio, lettini, sedie, ombrelloni vanno disinfettati ad ogni cambio di cliente o nucleo familiare e a fine giornata. Da notare che tutte le informazioni sulle regole anti-Covid dovranno essere comprensibili anche per i vacanzieri stranieri.

Ultimo aggiornamento: 6 Giugno, 09:33 © RIPRODUZIONE RISERVATA