Fuori di testa per il Covid, allarme dei medici: «Con la pandemia +30% patologie mentali e gli psichiatri sono pochi»

Mercoledì 25 Maggio 2022 di Mario Fabbroni
Fuori di testa per il Covid, allarme dei medici: «Con la pandemia +30% patologie mentali e gli psichiatri sono pochi»

Aumentano i casi di disturbi psichiatrici per effetto della pandemia, aumenta la domanda di assistenza specialistica ma diminuisce (drasticamente nei prossimi 2 anni) il numero degli psichiatri italiani in servizio. Saranno addirittura 1.000 in meno, tra pensionamenti e dimissioni.
Paradosso tutto italiano anche quello dei fondi destinati alle cure e al funzionamento del comparto della salute mentale: zero nel Pnrr, in picchiata quelli erogati dal Fondo sanitario nazionale (erano il 3,5% nel 2018, crollati fino al 2.75% nel 2020).

 


Insomma, la situazione è drammatica. Così 10 Società scientifiche lanciano l'allarme e chiedono l'istituzione immediata di un'Agenzia nazionale ad hoc. L'Italia, avverte l'alleanza delle Società scientifiche (tra cui la Società italiana di psichiatria, di Neuropsichiatria dell'Infanzia e dell'Adolescenza, di Psichiatria delle Dipendenze e la Federazione Italiana degli Operatori dei Dipartimenti e dei Servizi delle Dipendenze FeDerSerD) è «tra gli ultimi in Europa» per la salute mentale nonostante un aumento stimato del 30% di diagnosi tra depressione e altre patologie psichiche causato da due anni di pandemia, soprattutto tra giovani e studenti.


Si va quindi verso «l'impossibilità di garantire i servizi minimi in un settore in ginocchio già prima della pandemia». Gli investimenti, spiegano gli psichiatri, che «sarebbero dovuti crescere almeno fino al 5% del fondo sanitario nazionale, per raggiungere l'obiettivo del 10% indicato in sede comunitaria per i Paesi ad alto reddito. Invece, piano piano, stanno sparendo. Questo «impoverimento dei servizi pubblici - rileva Massimo di Giannantonio, presidente della Società Italiana di Psichiatria - ormai sotto la soglia della sopravvivenza, fa sì che si riducano anche le possibilità di intervento precoce, mettendo in seria difficoltà le attività di prevenzione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA