Coprifuoco, centri commerciali nel weekend, piscine, matrimoni: ecco il calendario delle riaperture post Covid fino a luglio

Giovedì 6 Maggio 2021 di Francesco Malfetano
Coprifuoco, centri commerciali nel weekend, piscine, nozze: ecco il calendario su cui sta lavorando il governo

Il 15 e il 17 maggio, poi l'1 e il 15 giugno e, alla fine, l'1 luglio. Dopo il decreto riaperture del 26 aprile scorso, il calendario per la ripartenza della Penisola sta andando via via compiendosi. Così, dopo i ristoranti aperti anche a cena ma solo all'aperto e cinema a metà della loro capienza, ora il governo punta a scardinare altre restrizioni. 

15 E 17 MAGGIO - La novità principale che interesserà gli italiani (ma anche i turisti stranieri) dalla metà di questo mese è il cosiddetto "pass verde nazionale". Ovvero il documento che attestando l'avvenuta vaccinazione, la guarigione dalla Covid19 o l'esito negativo di un tampone nelle 48 ore precedenti già oggi consente di spostarsi tra regioni di colori differenti. Il certificato farà quindi cadere l'obbligo di quarantena di 5 giorni per chi entra in Italia da un Paese Ue (a breve anche dagli Usa), sperando di incentivare le prenotazioni turistiche e rilanciare il settore. 
Non solo, il governo ora sta ragionando sul rendere il 15 maggio la data giusta anche per la riapertura dei centri commerciali durante i weekend e delle attività nelle piscine all'aperto.

Covid in Italia: 11.807 positivi e 258 morti in un giorno. Calano le terapie intensive

Discorso simile per quanto riguarda il 17 maggio. Per quel lunedì infatti, l'esecutivo sta pensnado di allentare il coprifuoco (estendendolo alle 23) oppure di eliminarlo del tutto. Prima di decidere però bisognerà valutare i dati del monitoraggio settimanale che saranno presentati il venerdì precedente. Se questi attesteranno ancora la discesa dei contagi e dei tassi di occupazione delle terapie intensive, l'agognata revisione avrà luogo. In caso contrario - ma al momento non vi sono segnali in tal senso - la limitazione oraria resterà così com'è. 

1 E 15 GIUGNO - Sperando poi che il calo dei contagi si protragga ancora, l'esecutivo ha già messo in calendario altre riaperture in vista dell'estate. Dal 1 giugno ad esempio, potranno finalmente riempirsi anche all'interno bar e ristoranti. Tuttavia il testo attuale (che potrebbe essere rivisto), al momento prevede per queste circostante - cioè all'interno - una riapertura parziale. Ovvero solo per colazione o pranzo, dalle 5 alle 18.
Non solo, ovviamente in zona gialla, riprendono anche le attività sportive indoor. Per cui palestre, sale per danza, yoga e pilates, potranno essere nuovamente praticate in palestre e strutture di questo tipo. 
Allo stesso modo, pur rispettando limiti di capienza e distanziamento, riprono anche i palazzetti sportivi e gli stadi (con questi ultimi che in deroga, partiranno già da prima per le partite dell'Europeo di calcio).
Il 15 giugno invece, è la data più attesa dagli sposini italiani. Nel rispetto dei protocolli infatti, a partire dalla metà del mese saranno consentite - sempre e solo in zona gialla - le feste per i matrimoni. 

1 LUGLIO  - Per ultimi, a partire dall'inizio del mese di luglio, toccherà agli eventi al chiuso. In zona gialla infatti riprendono fiere, convegni e congressi. Non solo, ripartono anche i centri termanli (fino ad ora rimasti aperti solo per motivi sanitari) e i parchi tematici e di divertimento. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA