Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Un milione di casi in una settimana: diverse Regioni verso la zona arancione, la Valle d'Aosta rischia il rosso

Un milione di nuovi casi in una settimana: diverse Regioni verso la zona arancione, Val d'Aosta rischia il rosso
Un milione di nuovi casi in una settimana: diverse Regioni verso la zona arancione, Val d'Aosta rischia il rosso
6 Minuti di Lettura
Giovedì 13 Gennaio 2022, 11:45

Oltre un milione di nuovi casi nel giro di appena una settimana, diverse Regioni che rischiano di passare a breve in zona arancione, qualcuna anche in zona rossa. I dati vengono dalla Fondazione Gimbe, che parla di «misure insufficienti a frenare la salita dei contagi». Nella settimana dal 5 all'11 gennaio si rileva un aumento del 49% dei nuovi casi di Covid-19, che sono stati 1.207.689 rispetto agli 810.535 della settimana precedente.

LEGGI ANCHE

Covid, sono 1.955 i nuovi contagi oggi nelle Marche. Scende la percentuale di positività. Province, dove il virus corre di più

LEGGI ANCHE 

Non vaccinato, muore a 49 anni. All'ospedale regionale di Torrette il Covid svuota le corsie: sono positivi 100 dipendenti. E 37 no vax sono sospesi

In forte crescita sono anche i casi attualmente positivi: sono 2.134.139 rispetto a 1.265.297 della settimana precedente, pari a +68,7%. Mentre l'incidenza di nuovi casi di infezione da Sars-Cov-2 in 56 province supera i 2000 casi per 100.000 abitanti. «Nell'ultima settimana - dichiara Nino Cartabellotta, presidenteGimbe - si è registrata un'ulteriore impennata di nuovi casi che hanno superato quota 1,2 milioni, con un incremento che sfiora il 50% rispetto alla settimana precedente e una media giornaliera che aumenta da 128.801 del 5 gennaio a 172.559 l'11 gennaio (+34%)».

LEGGI ANCHE

Il tariffario dei certificati-bluff: «Dall’anno nuovo, 500 euro». Emanuele Luchetti stava per aumentare il prezzo. Attesa per l’interrogatorio

 

L'enorme quantità di nuovi casi «incontrando una popolazione suscettibile troppo numerosa, sta progressivamente saturando gli ospedali, di conseguenza, molte regioni si avviano verso la zona arancione entro fine mese», afferma Cartabellotta facendo il punto sui posti letto ancora disponibili che, in caso di occupazione da parte di pazienti Covid, porterebbe ciascuna Regione in zona arancione al netto di un eventuale incremento dei posti. Calabria e Piemonte sono a 0 posti disponibili in intensive e in area medica, Liguria 0 area medica e 1 posto in intensiva, Sicilia 0 in area medica e 4 intensive.

Puglia verso il ritorno in zona gialla

Nella settimana dal 5 all'11 gennaio i nuovi contagi Covid in Puglia sono aumentati del 52,9% rispetto a sette giorni prima e i casi attualmente positivi ogni 100mila abitanti sono saliti a 1.756. Lo rileva il monitoraggio della fondazione Gimbe evidenziando anche che negli ospedali il tasso di occupazione dei posti letto è sopra soglia di saturazione in area medica, attestandosi al 17,2% (oltre il limite del 15%), mentre in terapia intensiva è del 9,9%, ormai prossimo al limite del 10%. Questi indicatori potrebbero decretare il passaggio in zona gialla della Puglia a partire da lunedì prossimo. Nella settimana dal 5 all'11 gennaio, la provincia con il maggior numero di casi ogni 100mila abitanti è stata quella di Bari (1.168), seguita da Brindisi (1089), Lecce (1079), Barletta-Andria-Trani (952), Foggia (814) e Taranto (766). Sempre secondo le stime di Gimbe, in Puglia sono ancora liberi 355 posti letto in area Medica e 50 in Intensiva prima del passaggio in zona arancione.

Valle d'Aosta rischia la zona rossa a breve

Un altro paziente in terapia intensiva e la Valle d'Aosta va in zona arancione, altri quattro pazienti ricoverati in Rianimazione e la regione alpina finisce in zona rossa. Lo sostiene il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe, secondo cui «nella settimana dal 5 all'11 gennaio in Valle d'Aosta si registra una performance in peggioramento per i casi attualmente positivi per 100.000 abitanti (4.133) e si evidenzia un aumento dei nuovi casi (78,2%) rispetto alla settimana precedente; sopra soglia di saturazione i posti letto in area medica (53,5%) e in terapia intensiva (18,2%) occupati da pazienti Covid-19». I nuovi casi positivi per 100.000 abitanti sono stati 2.452. Sul fronte delle vaccinazioni il 74,2% ha completato il ciclo vaccinale per Covid-19 (media nazionale 79%) a cui aggiungere un ulteriore 4,3% (3,8%) che ha ricevuto solo la prima dose. Il tasso di copertura vaccinale con terza dose è del 70,5% (61,5%). La popolazione 5-11 anni che ha completato il ciclo vaccinale è pari allo 0,1% (2,4%) a cui aggiungere un ulteriore 13,1% (15,9%) solo con prima dose.

L'incremento nelle varie province

In tutte le Regioni si rileva un incremento percentuale dei nuovi casi: dallo 0,5% dell'Umbria al 208,7% della Liguria. Le 56 Province in cui l'incidenza supera i 2.000 casi per 100.000 abitanti sono: Rimini (4469), Forlì-Cesena (3462), Ravenna (3382), Modena (3340), Firenze (3031), Lodi (3016), Monza e della Brianza (2858), Bologna (2806), Varese (2776), Trento (2774), Sondrio (2771), Brescia (2751), Reggio nell'Emilia (2722), Milano (2636), Prato (2625), Pisa (2615), Como (2596), Napoli (2584), Verbano-Cusio-Ossola (2575), Pavia (2567), La Spezia (2531), Pistoia (2529), Rovigo (2483), Aosta (2452), Lecco (2451), Caltanissetta (2435), Parma (2402), Verona (2390), Cremona (2389), Teramo (2385), Genova (2377), Savona (2349), Ferrara (2344), Chieti (2328), Lucca (2324), Bergamo (2320), Terni (2311), Mantova (2224), Arezzo (2222), Imperia (2206), Cuneo (2187), Piacenza (2173), Bolzano (2168), Biella (2163), Massa Carrara (2160), Vicenza (2133), Siena (2131), Livorno (2120), Pordenone (2105), Treviso (2082), Trieste (2071), Salerno (2047), Pescara (2041), Torino (2036), Caserta (2031) e Asti (2028).

Boom di ricoveri e terapie intensive

Dal 5 all'11 gennaio, «continua a crescere la pressione sugli ospedali sia nei reparti di area medica che nelle intensive». Salgono infatti del 31% i ricoveri di pazienti Covid-19 con sintomi (passati da 12.912 della settimana precedente a 17.067) e del 20,5% le terapie intensive (passate da 1.392 a 1.677). Ma a crescere del 35,4% sono anche i decessi. Lo rileva il monitoraggio indipendente della Fondazione Gimbe, che sottolinea come «il sovraccarico degli ospedali comporti il rinvio della cura di altre malattie».

«Aumentano ancora - afferma Renata Gili, responsabile Ricerca sui Servizi Sanitari del Gimbe - i posti letto occupati da pazienti Covid: rispetto alla settimana precedente +20,5% in area medica e +32,2% in terapia intensiva». All'11 gennaio, il tasso di occupazione nazionale da parte di pazienti Covid è del 26,6% in area medica e del 18,2% in area critica. Ad eccezione di Molise e Sardegna, tutte le Regioni superano la soglia del 15% in area medica, con la Valle d'Aosta che raggiunge il 53,5%; ad eccezione di Basilicata, Molise e Puglia tutte superano la soglia del 10% in area critica, con la Provincia di Trento che si attesta al 31,1%.

«Ci troviamo in una fase estremamente critica della pandemia - spiega il presidente Gimbe Nino Cartabellotta - in cui distorte narrative ottimistiche appannano l'insufficienza delle misure per rallentare la curva dei contagi e sottovalutano i rischi per la salute delle persone e per l'economia del Paese. Innanzitutto, l'ingente numero di nuovi casi, in continua crescita, dopo aver mandato in tilt i servizi territoriali sta determinando la progressiva saturazione degli ospedali, con limitazione degli interventi chirurgici programmati, anche in pazienti oncologici, e la riduzione delle capacità assistenziali». In secondo luogo, «l'enorme numero di persone positive sta progressivamente paralizzando numerosi servizi essenziali: dai trasporti alla scuola, dalla sanità agli uffici pubblici».

© RIPRODUZIONE RISERVATA