Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Zangrillo un mese fa: «Esplosione casi Covid in Florida? Non sono malati». Oggi lo stato Usa registra terzo record di morti consecutivo

Zangrillo un mese fa: «Esplosione casi Covid in Florida? Non sono malati». Oggi lo stato Usa registra terzo record di morti consecutivo
Zangrillo un mese fa: «Esplosione casi Covid in Florida? Non sono malati». Oggi lo stato Usa registra terzo record di morti consecutivo
di Simone Pierini
3 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Luglio 2020, 19:11 - Ultimo aggiornamento: 19:21

«In Florida c'è stata un'esplosione di infezione, quindi di soggetti infettati ma non malati. Anzi, la mortalità è passata dal 6,7 allo 0,4». Sono le parole pronunciate lo scorso 28 giugno da Alberto Zangrillo, primario del San Raffaele di Milano, ospite di Lucia Annunziata a Mezz'ora in più, su Rai3 durante un confronto con Andrea Crisanti, direttore della Microbiologia e Virologia dell'Università di Padova. «Per me i focolai non hanno alcun significato, i contagiati non sono malati», aveva aggiunto. Una frase che servì da esempio per avvalorare la tesi portata avanti in queste settimane sul «virus clinicamente morto». Oggi, a distanza di un mese esatto, dallo stato della Florida arriva la notizia253 decessi legati al Covid-19 nelle ultime ventiquattro ore, terzo record consecutivo di morti in un giorno. 

LEGGI ANCHE: Coronavirus, 3 morti e 386 casi positivi in più: 112 sono in Veneto, 88 in Lombardia. Aumentano i malati in terapia intensiva


Numeri che di fatto vanno a smontare quanto affermato un mese fa da Zangrillo. Una tesi ribadita anche oggi  in un'intervista a La Repubblica a pochi giorni dalla sua presenza al discusso convegno avvenuto in Senato, prendendo però le distanze da chi lo ha definito un "negazionista" del virus. 



«Bisogna dare indicazioni chiare e autorevoli: non è vero che il virus non esiste più, io non l'ho mai detto così come non ho detto che è mutato. Ho però affermato - e lo sostengo ancora perché questa affermazione si basa sull'osservazione e la cura diretta dei pazienti - che la situazione clinica oggi è diversa». Le parole di Zangrillo che precisa: «dire che il virus oggi non sta producendo una malattia clinicamente significativa non vuol dire affatto negare l'esistenza del Sars-Cov-2. Rifiuto in tutti i modi la definizione di negazionista».

Intanto secondo quanto riferiscono le autorità sanitarie locali, nelle ultime 24 ore sono stati confermati in Florida altri 253 decessi legati al Covid-19, contro i 216 di mercoledì. Il totale delle vittime in Florida sale così a 6.586, tutte per cause riconducibili al coronavirus. Nelle ultime 24 ore nello stato sono inoltre stati confermati altri 9.956 nuovi casi di coronavirus, aggiornando a 451.423 il totale dei positivi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA