Coronavirus, vende a 80 euro scatole di mascherine che ne costavano 2: denunciato e pubblicità web oscurata

Mercoledì 1 Aprile 2020
Coronavirus, vende a 80 euro scatole di mascherine che ne costavano 2: denunciato e pubblicità web oscurata

VICENZA - Un imprenditore di 62 anni, titolare di una ditta con sede a Vicenza e residente nel Veneziano, è stato denunciato dalla Guardia di finanza del capoluogo berico per “manovre speculative su merci”.

LEGGI ANCHE:
Farmaco contro il Coronavirus per evitare la terapia intensiva: anche le Marche chiedono di utilizzarlo

Coronavirus, i nuovi positivi nelle Marche sono 137 su 573 tamponi, una percentuale più alta di ieri /I dati di tutta Italia in tempo reale


L'uomo, Antonio Colucci, che vive a Chioggia, legale rappresentante di "Amelia srl" con sede a Ponte di Debba (frazione che si trova fuori dal centro cittadino), ditta che si occupa della produzione di articoli per l'abbigliamento, avrebbe infatti messo in vendita su internet delle mascherine, nei giorni in cui erano praticamente introvabili, ad un prezzo maggiorato fino al 400 per cento rispetto a quello di prima dell’emergenza coronavirus. La società aveva pubblicizzato la vendita di scatole con 50 mascherine chirurgiche a 79 euro (1.58 euro ciascuna), quando prima quelle stesse scatole costavano 2 euro (4 centesimi a mascherina). Dopo aver oscurato le sue inserzioni su alcuni siti web, i finanzieri hanno compiuto un controllo in ditta e hanno sequestrato 147 mascherine per le violazioni al codice del consumo.

Ultimo aggiornamento: 13:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA