Coronavirus, con le varianti cambiano anche i sintomi: dal mal di testa ai brividi, le 4 spie del contagio

Venerdì 12 Febbraio 2021
Coronavirus, con le varianti cambiano anche i sintomi: dal mal di testa ai brividi, le 4 spie del contagio

Brividi, perdita di appetito, mal di testa e dolori muscolari, questi gli ulteriori sintomi legati alla presenza di Covid-19 individuati da uno studio inglese, effettuato su un campione di oltre un milione di persone. La nuova ampia gamma di sintomi si aggiungerebbe ai già noti sintomi "classici" quali perdita dell'olfatto e del gusto, febbre e nuova tosse persistente.

«Questi nuovi risultati suggeriscono che molte persone con Covid-19 non vengono sottoposte a test - e quindi non si autoisoleranno - perché i loro sintomi non corrispondono a quelli utilizzati nelle attuali linee guida sulla salute pubblica per aiutare a identificare le persone infette», ha allarmato il Professor Paul Elliott, direttore del programma REACT all'Imperial.

Covid a Padova, sindrome scatenata dal virus: undicenne grave in ospedale

I test su tampone e i questionari raccolti tra giugno 2020 e gennaio 2021 nell'ambito dello studio REACT, condotto dall'Imperial College di Londra, hanno mostrato come avere uno qualsiasi di questi altri sintomi o quelli classici, da soli o in combinazione, era associato all'infezione da coronavirus, e maggiore il numero di sintomi manifestati, maggiore la probabilità che i sottoposti allo studio risultassero positivi.

 

Sintomi a seconda dell'età

Lo studio, commissionato dal Department of Health and Social Care e viene svolto in collaborazione con Imperial College Healthcare NHS Trust e Ipsos MORI, ha inoltre rivelato variazioni nei sintomi a seconda dell'età. Mentre i brividi erano collegati a risultati positivi in ​​tutte le età, mal di testa sono stati segnalati nei giovani di età compresa tra 5 e 17 anni, perdita di appetito tra i 18-54 e 55+ e dolori muscolari nelle persone di età compresa tra 18 e 54 anni. I bambini di età compresa tra 5 e 17 anni infetti avevano anche meno probabilità di riportare febbre, tosse persistente e perdita di appetito rispetto agli adulti.

Attualmente in Inghilterra la popolazione è incoraggiata a fare un test Covid-19 in presenza di almeno uno dei quattro sintomi classici: perdita del senso del gusto, perdita dell'olfatto, febbre, nuova tosse persistente. I ricercatori stimano che gli attuali test raccoglierebbero circa la metà di tutte le infezioni sintomatiche se tutti i soggetti con queste caratteristiche fossero testati. Ma con l'inclusione dei nuovi sintomi aggiuntivi individuati, i test potrebbero portare alla luce fino a tre quarti delle infezioni sintomatiche.

«Siamo consapevoli della necessità di criteri di verifica chiari e che l'inclusione di molti sintomi che si trovano comunemente in altre malattie come l'influenza stagionale potrebbe rischiare che le persone si autoisolino inutilmente. Spero che i nostri risultati sui sintomi più informativi significano che il programma di test può trarre vantaggio dalle prove più aggiornate, aiutando a identificare più persone infette» ha dichiarato il professor Paul Elliott, direttore del programma presso l'Imperial.

Nuovi sintomi della variante del coronavirus

La ricerca ha inoltre analizzato se l'emergere della nuova variante di coronavirus del Regno Unito, fosse collegata a un diverso profilo dei sintomi. Con l'aumentare della diffusione della variante inglese tra i contagiati, secondo lo studio, si sarebbe assistito all'aumento della percentuale di persone risultate positive con tosse persistente, e ad una diminuzione della perdita e cambiamento di olfatto come fattore predittivo di positività.

I ricercatori hanno confrontato i sintomi auto-riferiti ei risultati dei test del tampone raccolti per lo studio REACT tra novembre e dicembre, quando la PHE ha stimato che la variante costituisse circa il 16% delle infezioni, con dati simili raccolti a gennaio, quando si stima che l'86% delle infezioni provenisse da la variante. Mentre i sintomi erano sostanzialmente simili, a gennaio rispetto a novembre-dicembre, la perdita o il cambiamento dell'olfatto era meno predittivo di avere COVID-19, mentre la percentuale di persone risultate positive con una tosse persistente sembrava essere aumentata, in linea con risultati da ONS.

«Con il progredire dell'epidemia e l'emergere di nuove varianti, è essenziale continuare a monitorare come il virus colpisce le persone in modo che i programmi di test soddisfino le mutevoli esigenze», ha affermato il dott. Joshua Elliott, della School of Public Health dell'Imperial College di Londra. «Ci auguriamo che i nostri dati aiuterà a fornire indicazioni per il test e lo sviluppo di sistemi che potrebbero aiutare a identificare meglio le persone che dovrebbero fare un test Covid-19 in base ai loro sintomi».

© RIPRODUZIONE RISERVATA